Pesci delle acque brasiliane - Principali specie di pesci d'acqua dolce

Joseph Benson 12-07-2023
Joseph Benson

Sommario

In Brasile esistono più di 3.000 specie di pesci d'acqua dolce distribuite in tutto il Paese, pesci di tutte le dimensioni, colori e forme, che popolano i fiumi cristallini, i laghi e il Pantanal.

La fauna acquatica brasiliana è estremamente ricca e diversificata, composta da un gran numero di specie di pesci d'acqua dolce. Tra i pesci più comuni che popolano i fiumi e i laghi del Paese ci sono il tambaqui, il piranha, il dourado, il pacu e il surubim.

La pesca è un'attività molto diffusa sia tra i brasiliani che tra i turisti. La varietà di pesci è una delle ragioni principali e ci sono opzioni per tutti i gusti. Tuttavia, non tutti i pesci sono commestibili o si adattano bene al clima brasiliano. Alcune specie sono addirittura considerate invasive e rappresentano un pericolo per la fauna locale.

In Brasile, la varietà di pesci è piuttosto ampia e, a seconda della regione, possiamo trovare diverse specie nelle acque. In generale, i pesci d'acqua dolce si dividono in tre gruppi: quelli autoctoni, quelli esotici e quelli d'allevamento.

I pesci d'acqua dolce sono animali che vivono per tutta la vita in fiumi, laghi o stagni e sono perfettamente adattati a concentrazioni di salinità molto basse.

Scoprite quali sono le caratteristiche più evidenti di questi animali acquatici d'acqua dolce, il loro habitat, la dieta, la riproduzione e quali sono i loro predatori.

Caratteristiche dei pesci d'acqua dolce

I pesci d'acqua dolce hanno reni grandi perché hanno numerosi corpuscoli renali.

La sua funzione è l'eliminazione dell'acqua in eccesso e l'assorbimento dei sali, che vengono espulsi attraverso l'urina diluita, che nella sua totalità è più acqua che urina.

La salinità riscontrata nelle acque dolci e quella sostenuta dai pesci che le abitano è inferiore allo 0,05%.

Anche se il corpo di questi animali acquatici ha generalmente un contenuto salino piuttosto elevato, ciò significa che il loro corpo contiene più sale dell'ecosistema in cui vivono.

Come tutti i pesci, anche quelli d'acqua dolce non dormono e non stanno fermi: per riposare, varie parti del loro minuscolo cervello si alternano.

Un'altra caratteristica molto particolare dei pesci d'acqua dolce è che, anche se sembra impossibile, non bevono acqua, a differenza dei pesci d'acqua salata, che devono bere acqua di tanto in tanto per resistere all'osmosi.

Nel caso dei pesci d'acqua dolce, l'acqua viene assorbita dall'organismo ed espulsa, quindi non è necessario berla.

Le temperature degli ambienti d'acqua dolce sono in genere molto variabili, per cui i pesci possono vivere in acque molto fredde o in acque più temperate.

Ma una caratteristica vantaggiosa per i pesci è che sono ectotermi, cioè il loro corpo è specializzato nel mantenere la temperatura corporea uguale a quella dell'acqua in cui vivono, quindi questi cambiamenti in genere non li riguardano.

Habitat: dove vivono i pesci d'acqua dolce

Questi pesci si trovano in ecosistemi d'acqua dolce come fiumi poco profondi, paludi, torrenti, stagni, grandi piscine e laghi.

La maggior parte di queste acque è solitamente caratterizzata da forti correnti, il che è negativo per i pesci piccoli e poco agili perché tendono a essere trascinati, ma d'altra parte è solitamente un aspetto positivo perché fornisce loro cibo.

Mangimi per pesci d'acqua dolce

Nel loro ecosistema, questi pesci hanno il loro cibo che può essere costituito da insetti che catturano quando salgono in superficie, larve di zanzara, frutti che di solito cadono in acqua dagli alberi vicini, anche vermi che si trovano sul fondo, piante acquatiche e, nel caso dei pesci carnivori, si nutrono di altri pesci più piccoli o di carogne.

Allevamento di pesci d'acqua dolce

La riproduzione dei pesci d'acqua dolce non è molto diversa da quella degli altri pesci, poiché la maggior parte di essi è ovipara.

In altre parole, la femmina di solito espelle gli ovuli non sviluppati verso l'esterno, dove subito dopo il maschio li feconda, rilasciando gli spermatozoi su di essi.

Le uova si svilupperanno fino alla schiusa.

Esistono anche pesci vivipari, che dopo la fecondazione si sviluppano nel ventre materno e si sviluppano completamente alla nascita.

Nel caso dei pesci ovovivipari, dopo la fecondazione le uova vengono conservate nell'utero della madre fino alla schiusa.

I principali predatori di pesci d'acqua dolce

Questi pesci hanno un gran numero di minacce e predatori, dato che di solito vivono in fiumi e lagune i cui dintorni sono pieni di altre specie.

In generale, questi pesci fanno parte della dieta di molti di questi animali all'aperto, ma sono anche minacciati da pesci più grandi.

I predatori di pesci d'acqua dolce includono:

  • Lontra di fiume: come indica il nome, vive nei fiumi e di solito si nutre di pesci, molluschi e crostacei;
  • Airone: nella dieta di questi uccelli, il pesce è l'alimento principale. Gli aironi catturano le loro prede nei fiumi poco profondi o nelle paludi;
  • Sanguisughe: questo animale invertebrato di solito aderisce ai pesci del fiume e rimane su di loro nutrendosi del sangue che estraggono dalle loro prede.

Diverse specie diverse nelle acque brasiliane

I pesci autoctoni sono quelli che esistevano già nel Paese prima dell'arrivo degli europei. Sono specie che si sono adattate alle condizioni ambientali del Brasile e sono distribuite su tutto il territorio. Alcuni esempi di pesci autoctoni sono il tucunaré, il pirarucu, il dourado e il matrinxã.

I pesci esotici sono quelli introdotti nel Paese attraverso la pesca o il commercio. Si tratta di specie che non si sono adattate alle condizioni ambientali del Brasile e che quindi si concentrano in alcune regioni. Alcuni esempi di pesci esotici sono la tilapia, la carpa e il pesce gatto.

Infine, i pesci d'allevamento sono quelli allevati artificialmente in vasche o stagni. Si tratta di specie addomesticate e quindi presenti in tutto il Paese. Alcuni esempi di pesci d'allevamento sono la tilapia, la carpa e il pesce gatto.

La pesca è un'attività molto popolare in Brasile e, pertanto, sono molte le specie di pesci che possiamo trovare nelle acque brasiliane. Tuttavia, è importante notare che bisogna fare attenzione quando si consuma il pesce, poiché alcune specie possono contenere tossine dannose per la salute.

Esempi di pesci d'acqua dolce

Di seguito sono riportati alcuni esempi di specie ittiche d'acqua dolce:

Conoscere le principali specie di pesci d'acqua dolce

Apaiari - Astronotus ocellatus

Famiglia: Ciclidi

Caratteristiche:

Si tratta di un pesce esotico della regione amazzonica appartenente alla famiglia dei Cichlidae, ovvero la stessa famiglia della tilapia, degli acarás e dei tucunarés.

Specie che presenta una grande bellezza, quindi molto ricercata dagli acquariofili. Conosciuta anche come "oscar". Sebbene sia piccola e docile, misurando in media 30 cm e pesando fino a 1 kg, è coraggiosa, ha un aspetto robusto e quindi offre buoni combattimenti ai pescatori.

La pinna caudale, simmetrica e ben sviluppata, presenta alla base un ocello scuro (falso occhio) al centro e rosso o arancione intorno. L'ocello protegge l'animale da eventuali attacchi dei predatori, che di solito attaccano la testa della preda, perdendo così solo una parte della coda.

Abitudini:

Onnivoro, la sua dieta è composta principalmente da piccoli pesci, crostacei e larve di insetti. La femmina depone un migliaio di uova che vengono fecondate dal maschio.

Dopo la nascita, dopo tre o quattro giorni la coppia protegge la prole e nel frattempo inizia un violento schema di protezione della prole.

Il maschio porta gli avannotti in bocca in buche costruite sul fondo del fiume, in modo che siano sorvegliati dalla coppia. In natura, la riproduzione avviene solitamente da luglio a novembre.

Curiosità:

Non presentano un dimorfismo sessuale apparente e sono monogami, cioè il maschio ha una sola femmina.

Quando raggiunge i 18 cm di lunghezza diventa sessualmente maturo, quindi questa è la dimensione minima per la sua cattura.

Durante l'accoppiamento, il maschio e la femmina si trovano faccia a faccia con la bocca aperta per dare inizio al rituale e, dopo alcune spinte, si mordono a vicenda tirando il compagno di lato.

In seguito, la coppia si separa dal banco alla ricerca di un luogo adatto e sicuro per la deposizione delle uova.

Dove si trova:

Introdotta nelle dighe del nord-est e soprattutto in quelle del sud-est del paese, ma la sua origine è la regione amazzonica.

Tuttavia, preferiscono vivere in piccoli banchi e abitare in acque ferme con fondali fangosi o sabbiosi vicino a bastoni, pietre e altre strutture.

È territoriale, quindi è difficile trovare altre specie nei luoghi in cui l'apaiaris soggiorna.

Gli esemplari più grandi si trovano più frequentemente tra la vegetazione e i rami degli argini dei torrenti o delle anse dei fiumi con profondità comprese tra 30 cm e un metro.

A proposito, in questi luoghi prestate molta attenzione perché è possibile vederli nuotare in superficie.

Suggerimento per la pesca:

Quando si pesca l'apaiari, bisogna avere pazienza perché i pesci di solito studiano l'esca prima di abboccare.

Tuttavia, per l'attacco è spesso necessario lavorare l'esca vicino al pesce.

Pesci delle acque brasiliane

Apapa - Pellona castelnaeana

Famiglia: Pristigasteridae

Altri nomi comuni:

Sardinelle, orate, ricciole, sardine, pesciolini e squali.

Dove vive:

Bacini dell'Amazzonia e del Tocantins-Araguaia.

Dimensioni:

Fino a 70 cm di lunghezza totale e 7,5 kg. Il record IGFA proviene dal fiume Caura in Venezuela con 7,1 kg.

Cosa mangia:

Insetti e piccoli pesci.

Quando e dove pescare:

Tutto l'anno, dapprima in luoghi con rapide, alle foci degli igarapés, e soprattutto all'ingresso di baie e confluenze di piccoli fiumi.

Suggerimento per la pesca:

Sebbene attacchi molto bene le esche artificiali di superficie e subacquea, l'apapá può "fingere" e smettere di attaccarle. Se ciò accade, fare una pausa di qualche minuto per "riposare" lo spot.

Per aumentare l'efficacia degli ami, utilizzate sempre lenze multifilamento e ami possibilmente fini e affilati. A proposito, poiché si tratta di un pesce fragile, restituite rapidamente l'apapá al fiume.

Pesci delle acque brasiliane

Aruanã - Osteoglossum bicirrhosum

Famiglia: Osteoglossidi

Caratteristiche:

La specie si trova nelle acque calme e calde dei bacini del Rio delle Amazzoni e del Tocantins.

Di solito frequentano laghi poco profondi e foreste allagate durante le piene. Anche se spesso si osservano in coppia che nuotano sempre vicino alla superficie, questo indica che sono vicini o che è già tempo di riproduzione.

Tuttavia, raggiunge circa 1,8 m e supera di poco i 4 kg. Il colore è verde chiaro con bordi a squame rosate.

Il dorso è verde scuro e il centro delle scaglie dei fianchi è argentato o dorato. La linea laterale è corta e molto evidente.

Abitudini:

L'Aruanã è un predatore carnivoro che si nutre di una serie di elementi come invertebrati acquatici e terrestri, come insetti e ragni, ma anche di piccoli pesci, rane, serpenti e lucertole.

I loro sensi più grandi sono sicuramente la vista e un paio di corti barbigli che si trovano all'attaccatura (sinfisi) della mandibola.

Curiosità:

Si tratta di un animale che si prende cura della prole proteggendola in bocca e che richiede una manipolazione rapida e attenta, poiché la sua bocca, ornata di denti affilati, si apre verso l'alto, rendendo difficile la cattura.

Un buon consiglio è quello di imbarcarli con un puçá senza nodi nelle maglie, nonché di utilizzare una pinza di contenimento attaccata al lato della bocca. Sono pessimi da maneggiare e muoiono se lasciati troppo a lungo fuori dall'acqua.

Dove si trova:

Nei fiumi del bacino amazzonico e dell'Orinoco, scorrono lungo piccoli corsi d'acqua, ruscelli e tratti di foresta allagata.

Sono sempre molto vicini alla superficie, dove cacciano dentro e fuori dall'acqua; sorprendentemente, spesso compiono grandi balzi fino a 2 metri per catturare artropodi o fuggire da predatori come le focene.

La specie predominante è l'Aruanã (Osteoglossum bicirhossum), ad eccezione dell'Aruanã nero (O. ferreirai), che si trova sul fiume Negro.

Consigli per la pesca:

La pesca con l'aranã è più efficace se le esche vengono lanciate davanti al pesce, cioè a una distanza compresa tra 3 e 5 metri.

A causa della loro forma, si consiglia di pescare con attrezzatura leggera o media, anche se la forza del pesce non è molto grande.

Pesci delle acque brasiliane

Barbado - Pinirampus pirinampu

Famiglia: Pimelodidae

Caratteristiche:

Da adulto raggiunge i 12 kg e talvolta supera 1,20 m. Tuttavia, gli esemplari di queste dimensioni sono rari.

La pinna adiposa è molto lunga e inizia subito dopo la pinna dorsale e arriva vicino alla pinna caudale.

La sua forma è tipicamente allungata e leggermente appiattita, mentre il suo colore argenteo, una volta tolto dall'acqua, assume una tonalità leggermente verdastra, diventando più chiaro nella regione ventrale.

Abitudini:

Come la maggior parte dei pesci gatto, abita spesso il fondo dei fiumi di medie e grandi dimensioni con acque scure e fangose.

Il barbado svolge le sue funzioni fondamentali quando la temperatura dell'acqua si aggira tra i 22° e i 28°C, per cui si parla di comfort termico.

In questo intervallo di temperatura può nutrirsi, riprodursi e soprattutto svilupparsi normalmente.

Curiosità:

La sua riproduzione avviene di solito nei periodi di piena, con l'inondazione delle rive del fiume che presenta una colorazione più chiara.

Carnivoro e dotato di un'ampia bocca con piccoli denti simili a carta vetrata per catturare le prede, la sua dieta comprende vari alimenti come gamberetti d'acqua dolce e piccoli anfibi, ma di solito è un piscivoro piuttosto vorace.

Dove si trova:

Questo pesce pelle liscia è molto comune nei bacini dell'Amazzonia (Amazonas, Pará, Amapá, Acre, Roraima, Rondônia e Mato Grosso), dell'Araguaia-Tocantis (Pará, Tocantins e Goiás) e di Prata (Mato Grosso, Mato Grosso do Sul, São Paulo, Paraná e Rio Grande do Sul).

Suggerimento per la pesca:

Poiché abita più o meno le stesse regioni di pesca del pintado e del cachara, può essere catturato facilmente durante la pesca di queste specie.

Per catturarlo è possibile utilizzare la stessa attrezzatura, da media a pesante, ma è un pesce che combatte molto se agganciato con più forza rispetto al cachara o al pintado.

Pescatori tutto l'anno. I periodi migliori sono la notte e soprattutto l'alba.

Pesci delle acque brasiliane

Gattuccio - Boulengerella cuvieri

Famiglia: Ctenoluciidae

Caratteristiche:

Con un corpo allungato, grassoccio e un po' compresso, questo pesce squamoso presenta diverse colorazioni e classi di lunghezza massima.

Ha una bocca grande e appuntita e principalmente una cartilagine molto dura. Gli esemplari più grandi sono in grado di superare il metro di lunghezza totale, mentre può arrivare a pesare anche più di cinque chili. Tuttavia, poiché esistono diverse specie di becco, la sua colorazione varia molto.

La pinna dorsale si trova nella metà posteriore del corpo e il suo ultimo raggio, come quello anale, è leggermente più lungo.

Pertanto, le pinne pelviche e anali hanno un margine nero e la pinna caudale presenta una banda nera sui raggi mediani.

Abitudini:

Piscivoro, è estremamente vorace e un grande saltatore, che è uno degli aspetti più sorprendenti di questa specie. Estremamente abile nel saltare fuori dall'acqua quando si nutre.

Il suo menù è costituito da una serie di pesci e crostacei di piccole dimensioni. Attacca le prede con irruenza, compiendo salti successivi e acrobatici, fuggendo con il corpo completamente fuori dall'acqua, spinto solo dalla pinna caudale, che rimane in acqua per evitare che altri esemplari della stessa specie rubino le preziose prede.

Curiosità:

Non formano grandi banchi e gli individui più grandi sono solitari; inoltre, di solito non migrano per deporre le uova.

Dove si trova:

Si trova di solito nelle regioni settentrionali e centro-occidentali del Mato Grosso e del Goiás, e nei bacini del Rio delle Amazzoni e dell'Araguaia-Tocantins. È sempre alla ricerca di banchi di pesci che si nutrono nell'acqua, come i lambaris e altri pesci più piccoli.

Suggerimento per la pesca:

Essendo un pesce d'acqua dolce pelagico, è abituato a nuotare in prossimità della superficie e a mezz'acqua in luoghi con correnti scarse o moderatamente rapide: corsi d'acqua di ristagno, foci di baie e torrenti, acque veloci, ecc.

Pesci delle acque brasiliane

Spigola nera - Micropterus salmonides

Famiglia: Ciclidi

Caratteristiche:

Pesce squamoso della famiglia dei ciclidi, la stessa degli jacundà e degli acarà, è sicuramente tra i migliori per la pesca sportiva.

Verde oliva nella parte superiore, il black bass presenta una striscia nera sul fianco. Nella parte inferiore, sfumature tra il giallo molto chiaro e il bianco. Conosciuto negli Stati Uniti come largemouth per le grandi dimensioni della sua bocca.

Non ha denti, ma afferra le prede con una specie di carta vetrata situata nella parte superiore e inferiore della bocca.

Abitudini:

Sono carnivori voraci e si distinguono per la loro grufolosità e aggressività. Sebbene preferiscano l'acqua limpida e corrente, vengono solitamente allevati in vasche artificiali.

Le larve si nutrono di plancton, gli avannotti di insetti e vermi e gli adulti essenzialmente di altri pesci.

In breve, le femmine effettuano riproduzioni forzate e, a seconda delle dimensioni, possono deporre da 3 a 4.500 uova per riproduzione.

Di solito esce a caccia in momenti specifici: al mattino e nel tardo pomeriggio. Il momento meno produttivo è il sole cocente, quando i pesci cercano riparo e quindi riducono la loro attività.

Curiosità:

Indubbiamente un predatore d'acqua dolce, ambito e presente in diversi paesi del mondo, il black bass è originario del Nord America, più precisamente del Canada.

In Brasile è stata introdotta intorno agli anni '60 e attualmente abita diversi bacini artificiali nel Rio Grande do Sul, Santa Catarina, Paraná e São Paulo.

Tuttavia, il comportamento alimentare può variare con le stagioni, quindi i pesci cercano sempre habitat diversi.

Nelle stagioni fredde, ad esempio, predilige le regioni profonde dove c'è una zona climatica più favorevole, ma soprattutto cerca luoghi in prossimità di anfratti, pietre, rami o vegetazione acquatica, approfittando di questi nascondigli per sorprendere le prede.

Quando è piccolo, caccia in piccoli gruppi, ma crescendo tende a diventare un cacciatore solitario. Tuttavia, quando sono in branchi di non più di tre o quattro esemplari.

Tuttavia, si trova in coppia solo durante la stagione degli amori, fino al momento in cui smette di prendersi cura dei suoi piccoli.

Dove si trova:

È presente in tutti gli Stati delle regioni del Sud e del Sud-Est, ad eccezione di Espírito Santo, ed è stato introdotto in diverse dighe per controllare la proliferazione dei pirambebas (un tipo di piranha). Come tutti i predatori, si nasconde dietro tronchi, pietre, vegetazione, gradini, moli, ecc. per ingannare le sue prede.

Consigli per la pesca:

Per migliorare le vostre possibilità con le spigole, utilizzate un'attrezzatura leggera, cioè lenze sottili in fluorocarbonio e ami ben affilati. In questo modo aumenterete la sensibilità, che aiuta molto l'aggancio.

Pesci delle acque brasiliane

Cachara - Pseudoplatystoma fasciatum

Famiglia: Distribuito in nove famiglie, tra cui i jaús e le piraíbas.

Caratteristiche:

Si distingue dalle altre specie del genere per le macchie. Presentano inoltre una forma a rete, che parte dalla regione dorsale e si estende fino al ventre.

Alla fine può raggiungere una lunghezza totale di oltre 1,20 m, con un peso che in alcuni casi supera i 25 chili.

Ha una testa ornata da sei lunghe barbe, che fungono da organo sensoriale, un corpo allungato, affusolato e paffuto, nonché speroni sulla punta delle pinne pettorali e dorsali.

La testa è piatta e grande, circa un terzo del totale. La colorazione è grigio scuro sul dorso, più chiara verso il ventre dove può raggiungere il bianco, appena sotto la linea laterale.

Abitudini:

Ha abitudini notturne ed è un piscivoro, quindi si nutre di una serie di pesci con una preferenza per i pesci con le squame come: muçum, tuviras, lambaris, piaus, curimbatás, gamberi, pesci più piccoli e altri organismi acquatici.

La migrazione riproduttiva (piracema) a monte della specie avviene durante la siccità o dall'inizio della piena.

Curiosità:

È uno dei grandi pesci gatto di fiume della nostra fauna acquatica e spesso viene erroneamente chiamato pintado.

Nella classificazione zoologica, i pesci chiamati siluriformi sono quelli che hanno un corpo coriaceo. In Brasile, in particolare, ci sono più di 600 specie di questi pesci.

Altri siluriformi sono i vari tipi di surubim, ad esempio il surubim-pintado e il surubim-cachara, che appartengono alla famiglia dei Pimelodidae.

Nel Pantanal è comunemente conosciuto come cachara e nel bacino amazzonico come surubim.

Dove si trova:

Si trova nei canali fluviali, nelle pozze profonde e grandi - come la fine delle rapide - nelle spiagge, nelle foreste allagate e negli igapó, dove si annida la preda e, allo stesso tempo, si rifugia dai predatori.

Nel tardo pomeriggio fino all'alba si nutrono di pesci di piccola taglia e gamberetti, ma sono più attivi durante la notte.

I più giovani sono di solito più irrequieti, mentre gli adulti aspettano quasi immobili le loro prede.

Sono maggiormente presenti nelle regioni settentrionali e centro-occidentali, nei bacini dell'Amazzonia, di Araguaia-Tocantins e di Prata, oltre che negli Stati di San Paolo, Minas Gerais, Paraná e Santa Catarina.

Suggerimento per la pesca:

Anche se scarsi e di piccole dimensioni, in alcuni luoghi, come il Pantanal, ci sono ancora grandi posti dove possono superare i 20 kg, ad esempio nella regione tra Pará e Mato Grosso.

I cachara si trovano più facilmente tra i mesi di febbraio e ottobre, cioè durante la stagione secca.

Pesci delle acque brasiliane

Pesce cane - Hydrolicus armatus

Caratteristiche:

Tra i sette tipi di cani presenti sul territorio nazionale, il cane di grossa taglia occupa un posto di rilievo.

Per le loro dimensioni impressionanti, che possono raggiungere più di 1 metro di lunghezza e oltre 10 kg di peso, sono tra le specie bersaglio dei pescatori che si recano nel bacino amazzonico.

Il corpo è allungato e piuttosto compresso, la testa è relativamente piccola ma ha due occhi molto grandi, una bocca potente e immensa, ornata da grandi denti canini, due dei quali, situati nella mascella dopo il "mento", sono inseriti in depressioni presenti nella mascella superiore.

Il colore generale è argento, argento bluastro, con un dorso più scuro con sfumature di marrone o nero. Inoltre, la pinna caudale è tronca e raramente intera, dato che i piranha e altri pesci sembrano gradire molto questa delizia.

Abitudini:

Forma banchi non molto numerosi, rendendo la pesca spesso molto produttiva. Si nutre di altri pesci che cattura con tiri rapidi e violenti. È un pesce fantastico, ma richiede una certa abilità da parte dei pescatori per riuscire a catturarlo.

Curiosità:

La sua carne non ha valore nemmeno per un arrosto in riva al fiume, perché ha molte ossa e un sapore leggermente dolce.

Nonostante ciò, alcuni buongustai sono in grado di fare miracoli con questo pesce nel piatto, ma solo gli esperti!

Per approfittare dell'occasione, ecco un appello speciale alla pupa: nonostante tutta la sua audacia e velocità, è un pesce che si stanca molto facilmente, cioè non tollera una manipolazione eccessiva fuori dall'acqua.

In breve, se non viene recuperato, diventa facile preda di altri pesci, soprattutto dei piranha.

La manipolazione deve essere la più rapida possibile, soprattutto con gli esemplari di grandi dimensioni. Tenetelo in acqua il più a lungo possibile per fargli prendere l'esca e sistemare la macchina fotografica, ma fate attenzione ai suoi denti lunghi e affilati perché non di rado provoca gravi ferite.

Infine, maneggiate l'animale con le mani bagnate: questo pesce produce infatti un'abbondante quantità di muco. Infine, aspettate che l'animale si riprenda bene prima di rilasciarlo e buona pesca!

Dove si trova:

Troviamo la Cachorra nel canale dei principali affluenti del Rio delle Amazzoni - frequentando anche il fiume stesso.

Pelagico, si esercita costantemente nelle acque più veloci nascondendosi dietro ostacoli come rocce, tronchi e rami.

Tuttavia, a volte li troviamo all'interno del fiume, alla confluenza di corpi idrici con velocità diverse, o nei pozzi.

Consigli per la pesca:

Poiché ha una bocca dura ed è difficile da perforare, agganciate sempre verso l'alto, non di lato, per non far scappare il cucciolo.

Pesci delle acque brasiliane

Corvina - Plagioscion squamossissimus

Famiglia: Sciaenidae

Caratteristiche:

Il corpo è compresso lateralmente, ricoperto di squame e con una linea laterale ben visibile; ha il dorso argentato con linee oblique leggermente bluastre, il fianco e il ventre argentati.

Ha due pinne dorsali molto vicine tra loro e una bocca obliqua con un gran numero di denti ricurvi e appuntiti.

Possiede denti nella faringe e la parte posteriore degli archi branchiali presenta sporgenze appuntite con un margine interno frastagliato. Raggiunge oltre 50 cm di lunghezza e una massa di oltre 5 kg.

Soprattutto, la taglia minima per la cattura è di 25 cm. La sua carne ha un buon valore commerciale perché è bianca e morbida, molto apprezzata in gastronomia.

Abitudini:

Carnivoro, si nutre di pesci, gamberi e insetti e ha un comportamento cannibale.

Gli esemplari più grandi vengono solitamente catturati al crepuscolo e di notte in pozzi profondi. Poiché spesso il banco si trova sul fondo, l'aggancio deve essere saldo per evitare che il pesce scappi.

Curiosità:

Specie utilizzata per il ripopolamento delle dighe nel sud-est e nel sud. Conosciuta come corvina d'acqua dolce o nasello del Piauí. Anche se esistono tre generi di corvina d'acqua dolce.

Il Plagioscion, il Pachypops e il Pachyurus. L'identificazione di questi generi si basa sulla struttura dell'orecchio interno chiamata otoliti, che sono certamente responsabili della percezione spaziale del pesce (percezione della sua posizione nell'acqua).

Il Plagioscion squamossissimus è una specie originaria dell'Amazzonia, introdotta in diverse regioni del Brasile, ma nel sud-est in numero maggiore.

Dove si trova:

Presente nelle regioni del Nord, del Nord-Est e del Centro-Ovest, oltre che negli Stati di Minas Gerais, São Paulo e Paraná, viene pescato tutto l'anno.

Specie di fondo e di mezz'acqua, oltre che sedentaria, forma grandi banchi nella parte centrale di laghi, lagune e bacini.

Tuttavia, la possibilità di cattura in acque poco profonde non è da scartare, perché nelle grandi dighe di solito usa i canali come forma di orientamento nelle sue incursioni in acque meno profonde. Cercano prede che si nutrono vicino alle rive.

Consigli per la pesca:

Il momento migliore per catturarle è la mattina presto o il tardo pomeriggio e la sera. Per aumentare le possibilità di catturare quelle più grandi, è bene tenere l'esca in movimento, così come quando si pesca con il vivo.

Pesci delle acque brasiliane

Curimbatá - Prochilodus scrofa

Famiglia: Prochilodontidae

Caratteristiche:

Ha una bocca terminale, cioè situata nella regione anteriore della testa, a forma di ventosa.

Le labbra sono spesse e i denti sono numerosi e molto piccoli, disposti in file che possono allungarsi e ritrarsi a seconda della situazione.

Le pinne adipose sono molto piccole e si trovano sul dorso, vicino alla coda. Molto rustici, hanno un'abitudine alimentare iliofaga, il che significa che i curimbatás si nutrono di piccoli crostacei e larve che trovano nel fango del fondo del fiume. Per questo motivo, sono considerati detritivori, o mangiatori di detriti.

Il suo lungo apparato digerente, infatti, permette di utilizzare materiale nutritivo che altre specie non possono utilizzare, ma le squame sono ruvide e la colorazione è argento scuro.

L'altezza e la lunghezza del corpo variano a seconda della specie: in alcune specie i maschi possono pesare più di cinque chili e raggiungere i 58 cm, mentre le femmine raggiungono i 70 cm e pesano 5,5 chili, talvolta oltre i 6 chili.

Abitudini:

I curimbatás compiono, sempre in grandi branchi, lunghe migrazioni riproduttive (piracema). Si spostano per deporre le uova in condizioni più favorevoli allo sviluppo della prole.

Durante questo periodo i maschi emettono suoni (russare) che possono essere uditi anche fuori dall'acqua: fanno vibrare una speciale muscolatura e, con l'aiuto della vescica natatoria, producono il tipico suono della deposizione delle uova.

I maschi nuotano accanto alle femmine, che in un determinato momento espellono i loro ovuli, ed è nell'istante in cui gli ovuli vengono espulsi che i maschi li fecondano con una scarica di sperma.

I Curimbatás sono molto prolifici: una singola femmina può deporre più di un milione di uova a stagione.

Curiosità:

Grazie alle innumerevoli specie di pesci e uccelli predatori che se ne nutrono, il curimbatá è considerato la sardina dei fiumi brasiliani.

Le quantità in cui si trovano in alcuni fiumi, soprattutto durante la stagione riproduttiva, impressionano anche le persone abituate alla loro presenza, tanta è la loro abbondanza nei fiumi.

Il periodo riproduttivo si verifica in primavera e all'inizio dell'estate, quando gli esemplari sono solitamente dotati di grandi riserve energetiche (grasso) e non si nutrono abitualmente.

Sono facilmente osservabili nelle rapide e negli ostacoli, quando compiono grandi balzi per raggiungere le sorgenti dei fiumi.

Dove si trova:

La distribuzione naturale della specie avviene nei fiumi di tutto il paese: bacino di La Plata, bacino di São Francisco, bacino amazzonico e bacino di Araguaia-Tocantins. Introdotta, tramite ripopolamento ittico.

Suggerimento per la pesca:

Poiché si nutrono essenzialmente di detriti organici, è comune che questi pesci si riuniscano in aree con fondali fangosi nelle parti inferiori (ultimo terzo) dei grandi fiumi.

L'evoluzione adattativa ha conferito a queste specie una grande capacità di frequentare ambienti con basso ossigeno disciolto, caratteristici di questi fondali dove l'acqua è più ferma.

Pesci delle acque brasiliane

Pesce delfino - Salminus maxillosus

Famiglia: Salminus

Caratteristiche:

Considerato il "re dei fiumi", il dorado appartiene a una famiglia che presenta un corpo depresso lateralmente e una mascella inferiore prominente.

La vita media è di 15 anni e le dimensioni variano a seconda dell'habitat, ma nel bacino del Paraguay, nel Pantanal, si trovano esemplari di 70-75 cm e di 6-7 kg di peso, mentre nel bacino di Prata e nel bacino di São Francisco alcuni rari esemplari possono raggiungere i 20 kg.

La specie presenta il cosiddetto dimorfismo sessuale: le femmine sono più grandi dei maschi e possono raggiungere più di un metro di lunghezza.

Il maschio dell'orata presenta spine sulla pinna anale, che non compaiono invece sulla femmina.

Con l'età adulta la colorazione diventa giallo oro, con riflessi rossastri e una macchia sulla coda e striature scure sulle squame; poi, nella parte inferiore, la colorazione si schiarisce gradualmente, con coda e pinne di colore rossastro.

Ogni squama ha un piccolo filetto nero al centro, che forma strisce longitudinali di questo colore dalla testa alla coda e dal dorso fin sotto la linea laterale.

Hanno l'anale lunga e un gran numero di squame sulla linea laterale.

Abitudini:

Carnivoro aggressivo e cannibale, il dorado si nutre di piccoli pesci nelle rapide e nelle bocche delle lagune, soprattutto durante il riflusso della marea, quando gli altri pesci migrano verso il canale principale; soprattutto, la sua dieta è costituita essenzialmente da tuvara, lambaris e piaus.

Nuotano in branchi nelle correnti dei fiumi e degli affluenti e intraprendono lunghe migrazioni riproduttive, piracemi. Risalgono la corrente fino a 400 km, percorrendo in media 15 km al giorno.

Curiosità:

È sicuramente il pesce squamato più grande del bacino di La Plata: può saltare più di un metro fuori dall'acqua quando risale il fiume per deporre le uova, superando con facilità grandi cascate.

Dove si trova:

A causa della costruzione di varie dighe sui grandi fiumi brasiliani, la specie ha visto ridursi notevolmente il suo stock di popolazione. Si trova durante tutto l'anno, soprattutto nel bacino di La Plata, dove vive nelle rapide e alle foci dei laghi durante il riflusso della marea, in cerca di cibo.

Durante la deposizione delle uova, cercano le sorgenti dei fiumi, con acque più pulite, in modo che gli avannotti abbiano maggiori possibilità di sopravvivenza. A proposito, la taglia minima per la cattura è di 60 cm.

Suggerimento per la pesca:

Questa specie ha una bocca molto dura con poche parti in cui si possono attaccare gli ami, per cui si consiglia di utilizzare esche artificiali di piccole dimensioni, che si adattano meglio alla bocca del pesce. Tra l'altro, affilare gli ami aiuta anche quando arriva il momento di agganciarli.

Pesci delle acque brasiliane

Jacundá - Crenicichla spp.

Famiglia: Ciclidi

Caratteristiche:

Questo pesce ha una bocca grande e priva di denti, con una mascella leggermente più lunga della mascella superiore.

Il corpo è lungo e allungato e la pinna caudale è pronunciata, mentre la pinna dorsale si estende dalla testa fino in prossimità della coda.

Tuttavia, i maschi presentano una pinna caudale e anale più appuntita rispetto alle femmine e un corpo più magro e slanciato.

Molto colorati e con diverse sottospecie che hanno come disegno macchie che variano a seconda della specie - possono anche presentare strisce verticali sui fianchi - presentano sempre una striscia longitudinale più scura lungo il corpo che si estende dall'occhio al peduncolo della pinna caudale e un ocello nero sulla parte superiore del peduncolo della pinna caudale.occhi, poco sopra la pinna pettorale.

Abitudini:

Mentre le larve si nutrono di plancton, gli avannotti e gli adulti sono carnivori e si nutrono di piccoli pesci, gamberi, piccoli invertebrati come insetti, vermi e vermetti che si trovano sul fondo del fiume o in prossimità del corpo idrico.

Tuttavia, nella stagione delle piene, quando le acque si intorbidiscono, è comune trovarlo in superficie in cerca di cibo.

Solitamente presente in branchi, nonostante le sue abitudini timide, è in realtà predatore e aggressivo anche verso gli esemplari più piccoli della sua stessa specie.

Raramente supera i 35 cm di lunghezza totale e predilige temperature dell'acqua comprese tra 20°C e 25°C.

Curiosità:

Il jacundá raggiunge la maturità sessuale alla fine del primo anno di vita. Alcuni depongono le uova su una superficie precedentemente pulita e sono costantemente osservati dai genitori, che poi difendono questo territorio da altri predatori fino alla schiusa.

Altri rilasciano le uova, che vengono immediatamente fecondate e poi incubate nelle loro bocche finché i pulcini non si allontanano pacificamente.

Dove si trova:

La specie abita i bacini del Rio delle Amazzoni, di Araguaia-Tocantins, di Prata e di São Francisco e, come tutti i ciclidi, è una specie sedentaria che frequenta la parte media e bassa delle acque ferme (laghi, lagune, corsi d'acqua retrogradi e dighe).

Si trova sempre in prossimità di tronchi, rami, ambienti con grandi quantità di piante, erba e cunicoli di roccia, luoghi tipici per nascondersi.

Suggerimento per la pesca:

È un pesce estremamente territoriale e si trova di solito a nuotare nello stesso posto. Oltre a questa caratteristica, è molto sospettoso e lascia la tana solo quando è solo o quando è certo di non essere osservato da alcun predatore.

Pesci delle acque brasiliane

Jaú - Paulicea luetkeni

Famiglia: Pimelodidae

Caratteristiche:

È uno dei pesci più grandi delle acque brasiliane: pesce pelle, piscivoro, pesa ben 120 kg e misura 1,60 metri.

Il peso massimo dei nostri fiumi, chiamato anche Pesce gatto gigante, appartiene alla famiglia dei Pimelodidi ed è di colore marrone con macchie scure sul dorso e addome bianco. I giovani sono conosciuti come Pesce gatto gigante e hanno un colore giallastro con macchie viola.

La testa è piatta e grande, circa 1/3 del totale, ma il corpo è spesso e corto, con speroni sulla punta delle pinne.

Abitudini:

Essendo carnivoro e avendo abitudini notturne, è più facile che venga catturato nel tardo pomeriggio fino all'alba.

Di solito si trova nel canale del fiume, soprattutto in pozze profonde e grandi durante la stagione delle piene, ma quando il fiume è più basso, lo Jau di solito accompagna i banchi che migrano a monte.

Nonostante le sue grandi dimensioni, il suo attacco è veloce e preciso.

Curiosità:

Si consiglia l'uso di attrezzatura pesante, che offre una grande resistenza quando viene agganciata.

L'attrezzatura è di tipo pesante ed extra pesante (da 30 a 50 lb), lenze da 50 a 80 lb e mulinelli o bobine che tengono circa 150 m. Inoltre, affondatori di tipo oliva tra 200 g e 1 kg, a seconda della profondità e della forza dell'acqua, perché è molto importante che l'esca rimanga sul fondo.

Le esche più efficaci sono sicuramente la tuvira, il muçum o la pirambóia, il cascudos, la traíra, il piaus, la piabas e il minhocuçu, che devono essere esche vive e intere. Si può anche optare per il cuore di bue, il fegato di bue o le interiora di pollo.

Dove si trova:

Troviamo il Jaús nei canali fluviali, nelle pozze profonde - come la fine delle rapide - nel Nord, nelle regioni del Midwest e in alcune località degli stati di São Paulo, Minas Gerais e Paraná.

Anche se scarsi e di piccole dimensioni, in alcuni luoghi, come il Pantanal, ci sono ancora grandi posti dove possono superare i 50 kg, ad esempio nella regione tra Pará e Mato Grosso.

Consigli per la pesca:

Per un aggancio più efficace, prendetevi il tempo necessario: aspettate che il pesce metta l'esca in bocca e lasciate che prenda un po' di filo. Poi, quando sente il peso, dategli una tirata.

Pesci delle acque brasiliane

Jundiá - Rhamdia sebae

Acqua: dolce

Specie d'acqua dolce della famiglia dei Pimelodidi, può raggiungere un metro di lunghezza e 10 chili di peso.

La sistematica del genere Rhamdia è stata confusa fin dalla sua prima descrizione, tanto che recentemente i ricercatori hanno promosso un'ampia revisione tassonomica del genere, basata su caratteri morfologici interni.

La conclusione è che questo genere è formato da sole 11 specie tra le 100 precedentemente descritte.

In effetti, ciò che colpisce di più di questa specie è la sua colorazione, che va dal marrone al beige, ma soprattutto le forme irregolari delle macchie, molto simili a quelle di un giaguaro.

La pigmentazione della parte inferiore della testa è variabile, presenta grandi barbigli che fungono da organo sensoriale, inoltre la testa è appiattita e la mascella superiore è leggermente più lunga di quella inferiore.

Il corpo è ricoperto di pelle e presenta una lunga pinna adiposa, la spina dorsale della pinna pettorale è dentellata su entrambi i lati e gli occhi sono di medie dimensioni.

Curiosità:

Questo pesce è onnivoro, con una chiara preferenza per altri pesci, crostacei, insetti, resti vegetali e detriti organici.

Gli avannotti di questa specie supportano il trasferimento di acqua da 0%o a 10%o (acqua di mare), il che indica che questa specie è stenalina e supporta fino a 9,0 g/l di sale comune (NaCl) per 96 h. È una specie euriterma, in quanto supporta temperature da 15 a 34°C.

La crescita aumenta con l'aumentare della temperatura, soprattutto nei primi anni di vita. Il tasso di crescita dei maschi è maggiore di quello delle femmine fino al terzo o quarto anno di vita, quando la situazione si inverte, poiché le femmine iniziano a crescere più rapidamente.

La lunghezza calcolata delle femmine è di circa 67 cm e dei maschi di 52 cm, mentre la durata di vita teorica delle femmine è di 21 anni e dei maschi di 11 anni.

Riproduzione:

È una specie ovulipara e, in natura, i banchi si riproducono in luoghi con acque pulite e calme e con fondali prevalentemente sassosi. La maturità sessuale viene raggiunta nel primo anno di vita in entrambi i sessi.

I maschi iniziano il processo di maturazione gonadica a circa 14 cm e le femmine a 17 cm. A partire da 17 cm e 18 cm, quindi, tutti gli esemplari maschi e femmine, rispettivamente, sono potenzialmente idonei alla riproduzione.

Presenta due picchi riproduttivi all'anno (uno in estate e l'altro in primavera) e una deposizione multipla delle uova, ma il periodo riproduttivo e i picchi di sviluppo delle gonadi possono variare da un anno all'altro e da un luogo all'altro.

Le osservazioni indicano che la crescita degli avannotti è rapida, poiché raggiungono circa 5 cm di lunghezza standard a 30 giorni di età.

Il suo comportamento riproduttivo è infatti simile a quello di molte specie d'acqua dolce: nell'habitat naturale è ovulipara e, quando è pronta per la deposizione delle uova, i grandi banchi cercano luoghi con acque poco profonde, pulite, poco correnti e con un fondo sassoso.

Le uova sono quindi demersali e non aderenti. Sorprendentemente, c'è un buon sincronismo tra maschi e femmine al momento della deposizione delle uova, che avviene proprio all'alba.

Dove trovare

Molto apprezzato per il sapore della sua carne, il Jundiá si trova nel bacino amazzonico e uno dei luoghi migliori per catturarlo è la regione a nord del Mato Grosso, al confine con lo stato del Pará.

Vivono certamente nei laghi e nelle pozze profonde dei fiumi, anche se prediligono ambienti calmi e profondi, con fondali di sabbia e fango, vicino alle rive e alla vegetazione, oltre a nascondersi tra pietre e tronchi marci.

Questa specie si muove di notte ed esce dai suoi nascondigli dopo le piogge per nutrirsi dei detriti lasciati lungo i fiumi.

In esperimenti con larve e avannotti di questa specie in cattività, è stata osservata una marcata avversione alla luce e la ricerca di luoghi bui.

La dimensione minima per la cattura è di 30 cm

Pesci delle acque brasiliane

Jurupensém - Sorubim lima

Famiglia: Pimelodidae

Caratteristiche:

Si tratta di un'altra specie di pesce gatto d'acqua dolce. La sua famiglia comprende più di 90 pesci siluriformi senza squame, che vanno da specie piccole a pesci che raggiungono oltre 2 metri.

Si riconoscono facilmente per l'assenza di squame e per tre paia di bargigli ben sviluppati, uno sopra la bocca e due nella regione del mento.

Lo Jurupensém è una specie di medie dimensioni che misura circa 40 cm di lunghezza totale e pesa circa 1 kg. La testa è lunga e appiattita e gli occhi sono posizionati lateralmente, favorendo così la visione.

Ha un corpo grassoccio ricoperto di pelle, quasi nero sul dorso, che diventa giallastra verso il ventre. Al di sotto della linea laterale è biancastra. Presenta una linea longitudinale al centro del corpo, che si estende dall'occhio alla parte superiore della pinna caudale, dividendo così la zona scura del corpo da quella chiara.

Le pinne sono rossastre o rosate e i barbigli sono lunghi e arrivano a metà del corpo. Anche la pinna anale è lunga e grande. Il lobo caudale inferiore è molto più largo di quello superiore. Ha spine sulle pinne pettorali e dorsali.

Abitudini:

Specie ittica, si nutre principalmente di pesci di piccola taglia, ma anche di gamberetti e altri invertebrati, anche se spesso viene usato come esca per catturare pesci più grandi.

Si riproduce tra novembre e febbraio, periodo in cui, insieme ad altre specie, migra lungo i fiumi della regione in cerca di aree di riproduzione.

Curiosità:

Ha una caratteristica molto suggestiva: la mascella superiore è più grande della mandibola e la bocca è ampia e arrotondata, motivo per cui è noto anche come becco d'anatra.

Dove si trova:

La distribuzione geografica di questo pesce avviene nei bacini di Prata, Amazzonia e Araguaia-Tocantins, dove forma grandi banchi nelle pozze d'acqua sotto le rapide, nutrendosi principalmente di piccoli pesci e gamberi.

Si trova di solito vicino alla vegetazione marginale, dove cerca il cibo in piccoli banchi. Vive sul fondo dei fiumi, ha abitudini notturne e si trova tutto l'anno, essendo più comune all'inizio delle piene.

Nel bacino amazzonico può formare grandi banchi che risalgono i fiumi alla fine della stagione secca e soprattutto all'inizio della piena per deporre le uova.

Tuttavia, la dimensione minima per la cattura è di 35 cm.

Consigli per la pesca:

Aumentate il numero di pesci agganciati utilizzando lenze multifilamento da 30 a 80 lb e ami circle a filo sottile, che non solo aiutano quando si è agganciati, ma impediscono anche al pesce di inghiottire l'esca, facilitando così il rilascio del pesce in acqua.

Pesci delle acque brasiliane

Lambari - Astianax spp.

Famiglia: Characidae

Caratteristiche:

Pesce delle acque brasiliane a squame, considerato la "sardina" d'acqua dolce, ha un corpo allungato e leggermente compresso, una piccola bocca a forma di ventosa e una colorazione che varia a seconda della specie.

Anche se raramente supera i 10 centimetri di lunghezza, è robusto e la sua voracità è tale che si attacca a pezzi di visceri o di carne immersi nell'acqua.

Alcune specie, infatti, sono molto apprezzate sul mercato dei pesci ornamentali per il loro aspetto colorato. Tra le centinaia di specie, la più grande è il lambari-guaçu (Astianax rutilus), che può raggiungere i 30 cm di lunghezza.

Di colore argento sui fianchi e quasi nero sul dorso, ha un cerchio rossastro intorno agli occhi e una coda rossa, per cui viene chiamato lambari dalla coda rossa.

Abitudini:

La maggior parte delle specie si riproduce all'inizio della primavera, quando iniziano le piogge, e depone le uova nelle pozze d'acqua sulle rive dei fiumi, essendo una delle specie più prolifiche in natura.

Onnivoro, il suo menu è composto da cibo vegetale e animale, come crostacei, insetti, alghe, fiori, frutti, semi, ecc.

Nonostante le sue piccole dimensioni, è considerato il più grande predatore dei fiumi proprio perché divora le uova di altre specie di dimensioni maggiori - ma la natura è così perfetta che mantiene questo ciclo in perfetta armonia, perché mangiando le larve di altri pesci, il lambari cresce e ingrassa servendo in futuro come cibo per specie più grandi.

Curiosità:

Nonostante abbia ricevuto innumerevoli nomi popolari, arrivando a quasi 400 specie, molte delle quali non sono ancora state catalogate scientificamente, il lambari è senza dubbio la passione degli aficionados della pesca ed è spesso il primo pesce agganciato dalla maggior parte dei brasiliani che iniziano a praticare questo sport.

Dove si trova:

Si chiama piava o piaba nel nord-est del Paese, matupiris nel nord e lambaris do sul nel sud-est e nelle regioni centro-occidentali.

Sempre presente in banchi nei bacini dell'Amazzonia, di Araguaia-Tocantins, di São Francisco, di Prata e dell'Atlantico meridionale, si diffonde in tutti gli ambienti acquatici, ma la sua presenza è più evidente sulle rive di corsi d'acqua veloci, laghi, dighe, fiumi e piccoli torrenti.

Suggerimento per la pesca:

Tuttavia, la maggior parte delle volte si trovano in acque poco profonde e sul bordo dell'acqua alla ricerca di cibo portato dalla corrente. Si possono trovare anche nella foresta allagata quando i fiumi esondano.

Pesci delle acque brasiliane

Matrinxã - Brycon sp.

Famiglia: Characidae

Caratteristiche:

Il corpo compresso è di forma fusiforme, la pinna caudale è leggermente solcata e la parte posteriore è colorata di nero.

La bocca è piccola e terminale, i fianchi sono color argento, il dorso è generalmente nero e il ventre bianco. Raggiungono poco più di 4 kg di peso e 60 cm di lunghezza totale.

Sono infatti molto sportivi e regalano grandi emozioni a chi si dedica alla loro cattura durante la pesca.

Abitudini:

La dieta del matrinxãs è onnivora e consiste essenzialmente in foglie, frutti e semi durante la stagione delle piene, piccoli pesci e soprattutto altri piccoli animali durante la stagione secca.

La piccola bocca è ornata da denti con molte sporgenze che tagliano, strappano, macinano e permettono così al matrinxãs di consumare cibi diversi e variegati.

Questa abitudine permette di utilizzare diversi tipi di esche e attrezzature per la cattura. Infine, di solito nuotano in piccoli e grandi banchi, soprattutto nella stagione riproduttiva.

Vivono nella colonna d'acqua, dietro ostacoli come rami, pietre e vegetazione marginale durante la siccità, durante le inondazioni, nelle foreste allagate, chiamati igapós (giovani e adulti) nei fiumi chiari e scuri, e várzeas (larve e cuccioli) nei fiumi di acque bianche.

Curiosità:

Oggi questa specie ha superato i confini del suo habitat originario (il bacino amazzonico) e si trova principalmente negli allevamenti ittici e nei laghi da pesca di tutti gli Stati brasiliani, a eccezione della regione meridionale.

Sebbene il trasferimento di specie tra bacini diversi non sia vantaggioso, un fattore produttivo risiede proprio nelle abitudini riproduttive di questi pesci.

Poiché compiono migrazioni riproduttive (sono reofili), non possono riprodursi al di fuori del loro ambiente naturale e quindi la deposizione delle uova deve essere indotta con l'applicazione di ormoni.

In effetti, si comportano bene in cattività e accettano mangimi proteici più economici di origine vegetale.

Dove si trova:

I matrinxã giovani e adulti si trovano naturalmente in quasi tutti i fiumi limpidi e color tè, dietro ostacoli semisommersi come tronchi, rami e pietre.

La stagione secca è il periodo più produttivo per la loro cattura, soprattutto con esche che imitano piccoli pesci e artropodi come insetti e crostacei.

Oggi si trovano spesso nelle zone di pesca della maggior parte del paese, sfidando così le abilità di un gran numero di pescatori.

Consigli per la pesca:

Gli attacchi delle matrinxãs sono di solito molto veloci e richiedono al pescatore una grande prontezza di riflessi, oltre ad ami più piccoli e molto affilati.

Pesci delle acque brasiliane

Pacu - Piaractus mesopotamicus

Famiglia: Caracidi

Caratteristiche:

Conosciuti anche come Pacu-Caranha e Caranhas, sono secondi solo ai Dourados per dimensioni tra le squame autoctone del bacino di La Plata.

Le principali differenze rispetto alle altre specie della sottofamiglia Mylenae sono la pinna anale con meno di 27 raggi, l'assenza di una spina pre-dorsale e i primi raggi delle pinne più grandi di quelli mediani.

I loro colori variano dal marrone al grigio scuro, soprattutto in base al periodo dell'anno. Nella stagione delle piene, quando entrano nei campi allagati, diventano più scuri e pallidi perché rimangono negli alvei dei fiumi, soprattutto quelli con acqua bianca.

Il ventre va dal biancastro al giallo oro; a volte il dorso può presentare sfumature di viola o blu scuro.

Abitudini:

Le loro abitudini alimentari variano a seconda del periodo dell'anno e della disponibilità di cibo: consumano preferibilmente frutta, foglie, molluschi (lumache), crostacei (granchi) e anche piccoli pesci, oltre ad altri elementi.

Si trovano nei canali principali dei fiumi, all'interno di corixos, vazantes e foreste allagate nel periodo di innalzamento delle acque.

Tipica specie riproduttiva, migra in aree idonee per riprodursi, crescere e soprattutto sviluppare le larve.

Curiosità:

Non sono in grado di scalare cascate con grandi pendenze, per cui sono tipici delle regioni di pianura.

Come i Curimbatás, i Dourados e i Pintados, producono un gran numero di uova e larve, che vengono rilasciate in acqua e lasciate a se stesse, cosicché solo poche, in genere meno dell'1% del totale delle uova, raggiungono l'età adulta.

Non vi è alcuna distinzione apparente tra maschi e femmine, tranne che per la granulazione della superficie della pinna anale al momento della deposizione delle uova.

Dove si trova:

Si trovano nei bacini dell'Amazzonia, dell'Araguaia / Tocantins e di Prata. Vivono nei campi allagati, nei corixos, nelle lagune marginali e anche nei canali principali dei fiumi, nei pozzi vicino alle rive.

Di solito si nascondono sotto la vegetazione autoctona, come i camalotes (un'unione di ninfee che formano isole attaccate alle rive).

A volte si trovano galleggianti in mezzo agli stagni e anche, meno frequentemente, sospesi nelle correnti dei fiumi.

Consigli per la pesca:

In natura, è molto importante che i Pacu accolgano le esche in bocca per poi agganciarle saldamente, poiché hanno bocche molto dure che rendono difficile la penetrazione degli ami.

Controllate sempre che gli ami siano affilati e che la fascetta d'acciaio non sia eccessivamente consumata, cosa che può causare perdite;

Ci sono posti solo per i lanci a lunga distanza che rendono possibili le catture.

In tutti i casi, utilizzare canne più lunghe, in quanto la leva fornisce ami più potenti e una maggiore penetrazione degli stessi.

Pesci delle acque brasiliane

Piapara - Leporinus obtusidens

Famiglia: Anostomidae

Caratteristiche:

Esiste più di una specie popolarmente conosciuta come piapara: Leporinus obtudensis, del bacino di La Plata e Leporinus elongatus, del São Francisco, oltre a Leporinus crassilabris.

Parente del piaus e del piavas, la piapara si distingue dagli altri Leporinus per la forma appuntita del muso.

Pesce squamato, originario del bacino del fiume Paraguay, è generalmente di colore argento, caratterizzato da tre macchie nere sui lati del corpo, appena sopra la linea laterale, e soprattutto da pinne giallastre.

Presenta ancora strisce longitudinali, che non spiccano molto. Ha un corpo allungato, alto e a forma di fuso, con una bocca terminale e molto piccola.

Gli esemplari misurano in media 40 cm di lunghezza e pesano 1,5 kg.

Abitudini:

In genere si vedono più frequentemente all'alba e al tramonto, periodi in cui la luminosità è minore.

È abituato a vivere in pozzi profondi e sulle rive, alle foci di laghi e pozze, nelle baie, nei piccoli affluenti, nelle risacche dei fiumi, soprattutto vicino alla vegetazione e nella foresta allagata, preferendo rimanere in luoghi vicini ai rami dove cerca il cibo.

Di solito forma banchi e frequenta le parti medie e basse delle acque ferme, dove la temperatura è di circa 21-27 ºC.

In realtà, si tratta di un animale onnivoro in generale, che varia il suo menu da materia vegetale e animali in decomposizione a piante acquatiche, alghe filamentose e frutta.

Può anche vivere basandosi esclusivamente su una dieta erbivora.

Curiosità:

Essendo un pesce riproduttore, la piapara compie lunghe migrazioni lungo il fiume per riprodursi. Questa specie ha una linea laterale molto prominente e sviluppata, che la rende molto insidiosa e sensibile alle minime variazioni dell'ambiente, come la temperatura e le vibrazioni che la circondano.

Dove si trova:

Specie comune nel bacino di Prata, è presente anche nel Pantanal del Mato Grosso e in Minas Gerais, Bahia, Sergipe, Alagoas, Pernambuco Goiás, Paraná e São Paulo, oltre che nei bacini dell'Amazzonia e di Araguaia-Tocantins.

Si trova tutto l'anno, soprattutto nei mesi caldi. La taglia minima per la cattura è di 25 cm per Leporinus obtusidens, 40 cm per Leporinus crassilabris, Leporinus elongatus e 30 cm per Leporinus elongatus.

Suggerimento per la pesca:

Di solito il pesce prende l'esca con delicatezza e la deposita in bocca prima di correre, ma se il pescatore è troppo frettoloso la perderà.

Per fare una buona battuta di pesca è necessario fare una tenda con pasta di mais o di farina per raccogliere i pesci nel luogo in cui si intende pescare.

Pesci delle acque brasiliane

Piau fiammingo - Leporinus fasciatus

Famiglia

Anostomidae

Altri nomi comuni

Piau, aracu-pinima, aracu-flamengo.

Dove si vive

Bacino di Amazon.

Dimensione

Fino a 35 cm e 1,5 kg.

Cosa mangiare

Semi, foglie, frutti e insetti.

Quando e dove pescare

Durante il giorno, sulle rive e alle foci degli stagni.

Pesci delle acque brasiliane

Piau a tre macchie - Leporinus friderici

Famiglia

Anostomidae

Altri nomi comuni

Piau, testa di aracu, aracu-comum.

Dove si vive

Il bacino amazzonico e i fiumi Tocantins-Araguaia, Paraguay, Paraná, Uruguay e San Francisco.

Dimensione

Fino a 35 cm e 2 kg.

Cosa mangiare

Semi, foglie, frutti e insetti.

Quando e dove pescare

Durante il giorno su coste, bocche di laguna e fronti di spiaggia.

Pesci delle acque brasiliane

Piavuçu - Leporinus macrocephalus

Famiglia: Anastomidi

Caratteristiche:

Pesci delle acque brasiliane delle scaglie naturali del bacino del fiume Paraguay, che comprende anche il Pantanal del Mato Grosso.

Ha un corpo allungato, un dorso grigio-verdastro scuro (soprattutto perché i bordi delle squame corte sono più scuri) e un ventre giallastro.

La pinna dorsale si trova al centro del corpo e la pinna adiposa è relativamente piccola ma in perfetto equilibrio con le altre.

Abitudini:

Essendo un pesce che si riproduce completamente, o piracema, compie lunghe migrazioni a monte per riprodursi e può percorrere più di 4 km controcorrente in un solo giorno.

Una femmina adulta può rilasciare fino a 200 mila uova per ogni deposizione, il tutto per compensare la scarsa sopravvivenza delle larve e degli avannotti che subiscono l'intensa azione dei predatori.

Curiosità:

Il più delle volte forma banchi e preferisce frequentare la parte media e bassa delle acque ferme.

Parente stretto dei piapari, delle piave e dei piaus, tra i suoi rappresentanti più grandi può raggiungere circa 50 cm e pesare al massimo 4 kg, ma è molto raro trovare esemplari in queste condizioni.

Dove si trova:

Presente nel Pantanal del Mato Grosso e negli Stati di Minas Gerais, Goiás e São Paulo, si trova anche nei bacini dell'Amazzonia, di Araguaia-Tocantins e di Prata.

Consigli per la pesca:

Si trovano tutto l'anno, soprattutto nei mesi caldi, ma l'alba e il tramonto sono i momenti migliori per essere avvistati, periodi in cui la luminosità è molto più bassa.

È abituato a vivere sulle rive dei fiumi, alle foci dei laghi, nelle baie, nei corsi d'acqua limpidi e correnti, nei piccoli affluenti, nelle risacche dei fiumi, soprattutto in prossimità della vegetazione e nelle foreste allagate, preferendo in genere luoghi vicini ai rami.

Pesci delle acque brasiliane

Pintado - Pseudoplatystoma corruscans

Famiglia: Pimelodidae

Caratteristiche:

In effetti, questi magnifici pesci delle acque brasiliane si trovano esclusivamente in Sud America.

In effetti, sia la pesca che il sapore della loro carne ne hanno fatto la specie di dorso di cuoio d'acqua dolce più conosciuta dai brasiliani. La loro distribuzione è limitata ai bacini dei fiumi Prata e São Francisco.

Gli esemplari più grandi si trovano nel fiume São Francisco, dove possono pesare oltre 90 kg, ma nel bacino di La Plata gli esemplari di queste dimensioni sono più rari.

Hanno un corpo grassoccio, che si assottiglia verso la coda, con un addome leggermente appiattito, ma la testa è fortemente depressa (appiattita).

Hanno tre paia di barbigli, caratteristici della famiglia a cui appartengono, i Pimelodidae. Il mascellare è molto più grande della mandibola ed entrambi sono dotati di placche denticolate, che seguono quindi le proporzioni dei mascellari.

Il colore tende sempre al grigio, a volte plumbeo, a volte bluastro; dopo la linea laterale il colore diventa bianco o leggermente crema.

Al di sopra della linea laterale sono presenti strette strisce bianche posizionate trasversalmente rispetto al corpo. Infine, raggiungono sicuramente più di 1 m di lunghezza.

Abitudini:

Hanno abitudini alimentari carnivore, predano quasi esclusivamente pesci e per questo sono chiamati piscivori.

Le potenti mascelle raccolgono la preda e la tengono stretta, impedendole di fuggire attraverso le placche denticolate, che presentano numerosi denticoli.

Abitano i canali fluviali principali nelle pozze più profonde ed entrano nelle regioni inondate durante la stagione delle piene.

Si trovano in corixos e vazantes, a caccia di avannotti, giovani e adulti di altre specie come Curimbatás, Lambaris, Tuviras e Jejus, tra le altre.

Curiosità:

Il nome popolare è dovuto alla presenza di macchie nere che ricoprono il corpo e le pinne curiose, comprese quelle pelviche; sono più numerose sul dorso, assenti sull'addome e possono essere confluenti.

Dove si trova:

Si trovano nei canali fluviali, dal più largo al più stretto, sotto i camalotes, nelle riunioni d'acqua formate dagli sbocchi dei fiumi o dalle foci dei laghi e nei laghi permanenti.

Di notte, cercano zone meno profonde lungo le rive per andare a caccia di piccoli pesci.

Suggerimenti:

I piloti più esperti consigliano di aspettare che il pesce corra e poi di agganciarlo: in questi momenti l'esca si trova nella bocca del pesce, quindi è più facile agganciarlo. Quindi siate pazienti, aspettate il momento giusto!

Pesci delle acque brasiliane

Piraíba - Brachyplatystoma filamentosum

Famiglia: Pimelodidae

Caratteristiche:

Il dorso è grigio oliva, a volte più scuro, a volte meno, mentre il ventre è piuttosto chiaro, vicino al bianco.

Il corpo è robusto e grande, con sei barbigli sensoriali nella regione anteriore del capo, ma la bocca è larga e quasi terminale.

Gli occhi, infatti, rispetto al corpo, sono piuttosto piccoli e la testa, pur essendo larga, a differenza della faraona, non è molto lunga.

Ha due pinne dorsali, la prima vicina al centro del corpo e ben sviluppata, con raggi e una spina frontale, la seconda pinna dorsale è molto più piccola della prima.

La pinna caudale è simmetrica, con il lobo superiore e quello inferiore della stessa dimensione; inoltre, la pinna pettorale è ampia.

Abitudini:

In diversi periodi dell'anno è possibile osservare i piraiba nei canali fluviali, proprio sulla superficie dell'acqua, ma non vengono catturati.

In effetti, in Amazzonia, i caboclos sono soliti catturare questo pesce alla confluenza dei fiumi.

Legano alla canoa una corda robusta e un grosso amo, con un pesce di media grandezza, e aspettano l'arrivo del pesce che, una volta agganciato, può trainare la canoa per diversi chilometri. Sorprendentemente, a seconda della forza e delle dimensioni del pesce, è necessario tagliare la corda per evitare che la canoa si rovesci.

Curiosità:

La carne di questa specie non è molto apprezzata, poiché alcuni ritengono che sia nociva e trasmetta malattie.

Questo perché è nel corpo dei grandi esemplari che di solito si trovano molti parassiti nei visceri e nei muscoli.

Tuttavia, la carne degli esemplari piccoli, fino a 60 kg e noti come cuccioli, è considerata di ottima qualità.

È il più grande pesce gatto delle nostre acque, è carnivoro e vorace e si nutre di pesci interi, come il pesce pelle pacu-peba, la traíra, il matrinxã, il cascudo, la cachorra e il piranha.

La letteratura esistente parla di dimensioni fino a tre metri e di un peso di 300 kg, ma attualmente gli esemplari catturati pesano meno di 10 kg.

Dove si trova:

Abita le acque correnti e segue il ciclo di deposizione delle uova, che si verifica in luoghi profondi, pozzi o retroterra, rapide e confluenze di grandi fiumi.

Tuttavia, gli esemplari di peso superiore a 25 kg rimangono nel canale del fiume e non entrano nella foresta allagata o nei laghi alluvionali.

In Brasile si trovano nei bacini dell'Amazzonia e dell'Araguaia-Tocantins e le regioni dell'Araguaia, del fiume Negro e del fiume Uatumã sono considerate ottime zone di pesca.

Suggerimento per la pesca:

La sua cattura è una vera sfida, perché con le sue dimensioni e il suo peso enorme non c'è pescatore che, una volta agganciato, non debba impiegare molto tempo per tirarlo fuori dall'acqua.

Per catturarlo è necessario utilizzare attrezzature pesanti, poiché di solito non ci sono spazi sufficientemente puliti per combatterlo e un individuo di medie dimensioni (circa 100-150 kg) può richiedere diverse ore di combattimento finché non si stanca.

Le esche consigliate sono pesci vivi della rispettiva regione. In Brasile, il record di pesca risale al 1981 con un esemplare di 116,4 kg.

Pesci delle acque brasiliane

Piranha nero - Serrasalmus rhombeus

Famiglia

Characidae

Altri nomi comuni

Piranha

Dove si vive

Bacini fluviali dell'Amazzonia e del Tocantins-Araguaia.

Dimensione

Fino a circa 50 cm e 4 kg.

Cosa mangiare

Pesci e insetti.

Quando e dove pescare

Tutto l'anno, sulle rive e nei pozzi dei fiumi.

Pesci delle acque brasiliane

Piraputanga - Brycon microlepis

Famiglia: Brycon

Caratteristiche:

La forma del corpo segue il modello generale della sottofamiglia Bryconinae, cioè fusiforme compresso. Per molti, i piraputangas, così come altre specie, assomigliano a grandi lambaris.

In effetti, la grande somiglianza della colorazione con quella del dorado induce i pescatori inesperti a confondere le due specie, che tuttavia si distinguono facilmente per la bocca e la dentatura.

La presenza di piccoli denti conici nella mascella impone di utilizzare sempre una fascetta d'acciaio per evitare di perdere ami, o esche, con l'attrezzatura da mosca. Il colore generale è giallastro, con squame posteriori più scure.

Le pinne sono rossastre o arancioni. Una macchia nera corre dalla regione caudale mediana al peduncolo caudale, più forte dai raggi mediani della caudale, fino quasi alla fine della regione caudale (quella posteriore alla cavità addominale).

La pinna caudale è forata e garantisce un buon e rapido movimento dell'animale in acqua. I fianchi possono presentare riflessi bluastri nella regione dorsale. Presenta inoltre una macchia omerale arrotondata subito dopo la testa. Non cresce molto: raggiunge circa 3 kg e 60 cm di lunghezza.

Abitudini:

Di solito nuotano in banchi con un numero ragionevole di individui; altre volte li troviamo in quantità minori, dietro ostacoli come tronchi e rocce sommerse, in acque più movimentate, in attesa di qualche preda incauta.

Quando il sole splende, è frequente che rimangano all'ombra degli alberi, il che fornisce un ulteriore argomento, oltre al cibo, per mantenere la vegetazione di queste foreste ripariali sempre più degradate.

Curiosità:

È interessante notare come si presti poca attenzione ai piraputangas, anche dopo diversi anni di pesca amatoriale nel Pantanal.

La specie più grande del genere Brycon nel bacino del Paraguay è relativamente abbondante nei fiumi della regione e offre grandi emozioni a chi non tiene d'occhio altre specie più nobili che raggiungono dimensioni maggiori, come il dorado e il surubins-pintados.

Tuttavia, purché sia catturato con materiale compatibile con le sue dimensioni, regala momenti di grande emozione, grazie ai suoi ripetuti salti fuori dall'acqua.

Quando sono confinati nei laghi di pesca, diventano rischiosi, cioè difficili da catturare.

Dove si trova:

Si trovano in tutto il bacino del Paraguay, dove abitano la maggior parte dei fiumi del Pantanal, nuotano in banchi e sono facilmente localizzabili, rispondendo così rapidamente al processo di adescamento.

Tuttavia, alcuni individui preferiscono ostacoli naturali come tronchi sommersi, pietre e alberi caduti vicino alle rive.

Poiché la sua riproduzione in cattività è piuttosto evoluta, oggi è una specie molto adatta a stagni e laghetti di proprietà privata.

Sono molto apprezzati per il modo vorace con cui attaccano le esche e per le buone dispute quando vengono agganciati.

Consigli per la pesca:

Un modo efficace per individuarli è quello di lanciare la quirera (mais tritato) e in breve tempo si forma un branco. A quel punto, non resta che lanciare l'esca.

Pesci delle acque brasiliane

Pirarara - Phractocephalus hemioliopterus

Famiglia: Pimelodidae

Abitudini:

Il Pirarara ha un'alimentazione onnivora e si nutre di quasi tutto, ad esempio: frutta, granchi, uccelli, tartarughe e soprattutto pesci.

Si trovano in tutto il nord e in parte del centro-ovest (Goiás e Mato Grosso), nei bacini del Rio delle Amazzoni e dell'Araguaia-Tocantins. Vivono nei canali fluviali, nelle pianure alluvionali e negli igapó, sia in acque nere che in acque limpide.

Il periodo migliore per catturarli inizia a maggio e si protrae fino a ottobre, quando i fiumi si trovano nel loro letto normale (nella cassa). Tra l'altro, alcuni fiumi che non esondano dal letto consentono di pescare durante tutto l'anno.

Durante il giorno si scaldano al sole, vicino alla superficie, e in alcuni luoghi, come il fiume Javaés, mettono addirittura le pinne dorsali fuori dall'acqua.

Si nutrono anche dei resti di animali morti e di pesci in decomposizione.

Caratteristiche:

Le caratteristiche principali sono i colori, che sul dorso vanno dal marrone al nero, e le tre paia di bargigli sensoriali, comuni anche ad altri membri della famiglia.

Il ventre è caratterizzato da una predominanza di colore giallo-crema. Coda tronca, facilmente identificabile per il suo colore rosso sangue. Raggiunge poco più di 1,2 metri e 70 kg. Hanno tre paia di bargigli, uno nella mascella e due nella mandibola. Spesso, appena tirati fuori dall'acqua, emettono forti sbuffi che iniziano bassi e finiscono alti. Sono emessi dal passaggio dell'aria dalla cavità boccale da parte delopercoli.

Curiosità:

I fossili dimostrano che questa specie esiste in Sud America da più di nove milioni di anni e che all'epoca era molto più grande della media di quelle che si trovano oggi.

Lo dimostra il racconto di Orlando Villas-Bôas, che ha assistito alla scomparsa di uno dei suoi uomini, all'inizio della spedizione Roncador/Xingu, nelle acque calme e opache del fiume Araguaia.

Consigli per la pesca:

La pesca più comune è quella con esche naturali, ma in situazioni particolari possono essere catturati con artificiali, perché quando si trovano in zone poco profonde attaccano spoon e plugs a mezz'acqua.

Le esche naturali più comuni sono i piranha, ma mangiano qualsiasi pesce o pezzi di esso.

Il momento migliore per catturarli è la sera presto e sempre in zone poco profonde, quasi in prossimità di strutture sommerse e spiagge con acqua corrente. Tuttavia, il materiale utilizzato deve essere fondamentalmente pesante per le dimensioni che raggiungono.

In prossimità di strutture (la maggior parte delle località), utilizzare almeno una lenza da 0,90 mm, una canna in fibra monopezzo e un mulinello pesante.

Se si tratta di un luogo vasto, senza strutture, è possibile agganciare con lenze da 0,60 mm o meno.

Tuttavia, poiché raggiungono i 70 kg, hanno una violenta forza di trazione quando vengono agganciati. Un Pirarara di 20 kg ha una forza sufficiente per spezzare una lenza di 120 mm, basta che la lenza si spezzi.

La stagione secca è il momento migliore per catturare i pesci, ma scegliete zone prive di grovigli per evitare rotture della lenza.

Pesci delle acque brasiliane

Pirarucu - Arapaima gigas

Famiglia: Osteoglossidae

Caratteristiche:

Ha un corpo lungo e cilindrico, squame larghe e spesse, una colorazione verde scuro sul dorso e rossastra sui fianchi e sulla coda.

L'intensità dei suoi colori può variare a seconda delle caratteristiche dell'acqua in cui si trova: l'acqua fangosa tende a essere scura, quella chiara a essere pallida, mentre l'acqua limacciosa è rossastra. La sua testa è appiattita e le sue mascelle sporgono.

Con occhi giallastri, la pupilla è bluastra e sporgente, in continuo movimento come se il pesce osservasse tutto ciò che lo circonda.

La lingua è ben sviluppata e presenta un osso all'interno. Il pirarucu è in grado di mangiare qualsiasi cosa, ad esempio: pesci, lumache, tartarughe, serpenti, cavallette, piante, ecc.

Abitudini:

Una particolarità della specie è che sale di tanto in tanto a pelo d'acqua per respirare, effettuando così una respirazione supplementare a quella branchiale. Questo avviene perché possiede due apparati respiratori: le branchie, per la respirazione acquatica, e la vescica natatoria modificata, che funziona come un polmone in funzione dell'ossigeno.

Curiosità:

Conosciuto anche come merluzzo amazzonico, è un vero e proprio fossile vivente. La sua famiglia esiste immutata da oltre 100 milioni di anni, raggiunge circa due metri di altezza e un peso medio di 100 chili, anche se esistono antiche testimonianze di esemplari di quattro metri e 250 chili. Il suo nome significa pesce rosso (pira) per la sua colorazione.

Dove si trova:

Il pirarucu si trova nei bacini dell'Amazzonia, dell'Araguaia e del Tocantins e prevale nelle acque calme delle sue várzeas. Vive in laghi e fiumi affluenti con acque chiare, bianche e nere leggermente alcaline e con temperature che vanno dai 25° ai 36°C. Inoltre, difficilmente si trova in zone con forti correnti e acque ricche di sedimenti.

Consigli per la pesca:

Dopo la deposizione delle uova, la cura dei nidi espone i riproduttori a una facile osservazione. La specie vive più di 18 anni e raggiunge l'età adulta solo dopo cinque anni. La taglia minima per la cattura è di 1,50 metri.

Pesci delle acque brasiliane

Saicanga - Acestrorhynchus sp.

Famiglia: Characidae

Caratteristiche:

Molto simile ai cuccioli femmina ma più piccolo, è anche piuttosto coraggioso e aggressivo. Di taglia media, raggiunge i 20 cm di lunghezza e i 500 g di peso.

Gli esemplari che superano queste misure non sono comuni, ma secondo la letteratura sono stati trovati esemplari che superano i 30 cm.

Il corpo è allungato e compresso lateralmente, ricoperto da piccole squame di una bella colorazione argento intenso uniforme e molto lucente.

Le pinne dorsale e anale sono situate nella metà posteriore del corpo. La pinna caudale ha raggi mediani prolungati che formano un filamento che in alcuni individui può essere rossastro o giallastro con una macchia scura - può essercene un'altra dietro l'opercolo.

Il muso è lungo e la bocca è grande e obliqua, con una caratteristica sorprendente: i denti grandi e affilati all'esterno della mascella sono utilizzati per strappare squame e pezzi di altri pesci.

Abitudini:

Specie carnivora molto aggressiva, soprattutto nelle prime ore del giorno e al crepuscolo, si nutre solitamente di piccoli pesci interi, insetti acquatici e terrestri e, occasionalmente, radici di piante.

Attacca sempre in branco e torna rapidamente in qualche luogo che funge da riparo. Con grandi pinne pettorali che gli conferiscono grande agilità, è di solito un pesce molto attivo (soprattutto in estate) e un ottimo nuotatore.

Curiosità:

Gli individui raggiungono la maturità sessuale a circa 15 cm di lunghezza e la riproduzione avviene solitamente in estate, tra novembre e maggio.

Questa specie migra su grandi distanze finché non trova una pianura allagata, frutto di un'inondazione, che utilizza per deporre le uova.

Dove si trova:

Abita varie lagune e dighe d'acqua, pozzi e letti di torrenti vicino a bastoni, pietre, corna e cave, principalmente nelle regioni del bacino amazzonico, di Araguaia-Tocantins, di Prata e di São Francisco.

Suggerimento per la pesca:

La saicanga è un pesce d'acqua dolce che si trova per lo più in acque poco profonde ed è ricco di cibo.

Con l'istinto della caccia, attacca prede relativamente grandi, che a volte misurano circa la metà della sua lunghezza.

Pesci delle acque brasiliane

Surubino frusto / barrato - Sorubimichthys planiceps

Famiglia: Pimelodidae

Caratteristiche:

La testa è piatta e piuttosto grande, circa un terzo del totale, e presenta tre paia di lunghi bargigli che "brancolano" sempre sul fondo in cerca di prede, un paio sulla mascella superiore e due sul mento.

La sua bocca molto ampia gli permette di catturare prede di grandi dimensioni. Ha un muso arrotondato e la mascella superiore è più lunga della mandibola, lasciando una carta vetrata formata da piccoli denti visibili anche quando la bocca è chiusa.

Il corpo è corto, molto snello, grassoccio e allungato, con speroni piuttosto duri sulla punta delle pinne. Di colore grigio scuro, presenta una sottile striscia chiara che parte dalla pinna pettorale e termina alla pinna caudale.

Il dorso e le pinne sono ricoperti da numerose macchie nere. La pinna caudale è biforcuta e garantisce grande velocità e forza.

Abitudini:

È un pesce molto forte e veloce - nonostante le sue dimensioni - e di solito attacca la preda fino alla parte più bassa per catturarla, difficilmente nuotando fino al centro del fiume.

È carnivoro e include vari alimenti nella sua dieta, ma si nutre principalmente di pesce.

Curiosità:

Questo periodo coincide con l'inizio delle piene, quando gli argini dei fiumi vengono allagati.

Dove si trova:

Sono geograficamente distribuiti nei bacini dell'Amazzonia e dell'Araguaia-Tocantins.

Come la maggior parte dei pesci gatto, si trova di solito sul fondo dei letti dei fiumi di medie e grandi dimensioni, dove le acque sono scure e fangose, e, essendo carnivoro e di abitudini notturne, è più facilmente osservabile dal tardo pomeriggio fino all'alba, quando spesso rivela i caprioli sulla superficie dell'acqua (ma può essere molto attivo anche durante il giorno).

Suggerimento per la pesca:

Queste specie sono presenti in vari tipi di habitat, come foreste allagate, laghi, canali fluviali, spiagge e isole di piante acquatiche (matupás), ma i luoghi migliori per la loro cattura sono le barene e le spiagge.

Pesci delle acque brasiliane

Tabarana - Salminus hilarii

Famiglia: Caracidi

Caratteristiche:

Pesce osseo e squamoso della famiglia dei Characidea, è carnivoro ed estremamente vorace, si nutre principalmente di pesci più piccoli come i lambar.

È di taglia media, circa 35 cm, con un corpo alto e compresso lateralmente, raggiungendo una dimensione massima di circa 50 cm di lunghezza e un peso di 5 kg.

In media misura 35 cm e pesa 1 kg. La femmina, di lunghezza compresa tra 30 e 36 cm, si riproduce nel fiume e può avere fino a 52 mila ovuli nelle gonadi.

Abitudini:

La specie preferisce abitare il canale principale dei fiumi in un tratto di corrente. È più comune in acque cristalline e poco profonde, fino a un metro di profondità.

Si rifugiano in prossimità di ostacoli, come tronchi sommersi, da cui emergono rapidamente per attaccare le prede.

Curiosità:

Poiché ha una partenza forte, molta resistenza e bei salti, è molto ricercato dai pescatori sportivi.

Purtroppo, però, la sua cattura nello Stato di San Paolo sta diventando sempre più difficile e rara a causa dell'inquinamento dei fiumi e della pesca predatoria. A volte viene confuso con un piccolo dorado, le cui principali differenze sono le dimensioni e la colorazione.

Il tabarana è di taglia media, mentre il dourado è un pesce più grande con una colorazione giallastra o argentata. Un'altra differenza è il numero di scaglie tra l'inizio della pinna dorsale e la fila della linea laterale, che ha 10 scaglie nel tabarana e da 14 a 18 nel dourado.

La separazione degli esemplari giovani può essere fatta contando le squame sulla linea laterale, da 66 a 72 nella tabarana e da 92 a 98 nell'orata.

Dove si trova:

Il Tabarana si trova in diversi bacini, come il Rio delle Amazzoni, il Tocantins-Araguaia, il Prata e il São Francisco, che coprono gli stati delle regioni centro-occidentali e sud-orientali.

Viene pescato durante l'estate, ma più frequentemente durante la stagione delle acque chiare.

Suggerimento per la pesca:

Quando sentite che il pesce attacca, agganciatelo con forza, la sua bocca dura rende difficile la posa dell'amo. Impastare l'ardiglione dell'amo è un buon consiglio per ridurre questa resistenza.

Pesci delle acque brasiliane

Farfalla Tucunaré - Cichla orinocensis

La farfalla tucunaré, come la maggior parte dei tucunaré, ha una macchia rotonda sul peduncolo della coda che dà l'impressione di essere un altro occhio e serve a confondere e spaventare i predatori. Tuttavia, ciò che la differenzia dalle altre specie sono tre ocelli ben definiti sul corpo.

Squama d'acqua dolce appartenente alla famiglia dei Cichlidae, uno dei più grandi pesci d'acqua dolce del mondo, la sua colorazione varia dal giallo oro al giallo verdastro.

La specie, che può pesare 4 kg e superare i 60 cm di lunghezza, ha un corpo un po' compresso, leggermente squadrato e una testa grande.

Ha un comportamento territoriale, cioè difende un certo spazio dove si nutre e si riproduce, e ha cure parentali, cioè costruisce nidi e si prende cura di uova e piccoli, un comportamento che non è molto comune tra gli altri pesci.

Possono manifestare cannibalismo solo quando non riconoscono altri esemplari della stessa specie, ma questo finisce presto quando compaiono gli ocelli.

Caratteristiche:

È essenzialmente un pesce carnivoro e di solito insegue la preda finché non viene catturata, mentre quasi tutti gli altri pesci predatori si arrendono dopo il primo o il secondo tentativo fallito.

La loro dieta consiste in piccoli pesci, insetti, crostacei e piccoli animali come le rane.

Nei primi 30 giorni di vita, le larve di tucunaré si nutrono di plancton; a partire dal secondo mese di vita, la specie inizia a ingerire alimenti vivi più grandi, come ad esempio larve di insetti.

Quando gli avannotti di pesce farfalla tucunaré raggiungono il terzo mese di vita, si nutrono già di piccoli pesci e gamberetti. Dal quinto o sesto mese di vita, i pesci si nutrono esclusivamente di pesci vivi.

Ovipari, al momento della riproduzione sono soliti spaventare voracemente i predatori in avvicinamento. In questo periodo è comune che i maschi presentino una protuberanza di colore scuro tra la testa e la pinna dorsale, simile a una termite di toro, che scompare poco dopo che la femmina ha deposto le uova.

Questa sporgenza non è altro che una riserva di grasso accumulata per i periodi precedenti la deposizione delle uova, quando si prenderà cura dei piccoli e avrà difficoltà a nutrirsi.

Riproduzione:

Ogni femmina può ovulare due o più volte durante il periodo riproduttivo e di solito prende il controllo del sito, mentre il maschio circola intorno per impedire agli intrusi di entrare nel suo raggio d'azione.

Dopo aver pulito la superficie del futuro nido, la femmina depone le uova, che vengono immediatamente fecondate. La schiusa avviene 3 o 4 giorni dopo.

Uova e pulcini nelle prime fasi di sviluppo possono essere tenuti in bocca dai genitori che possono stare diversi giorni senza nutrirsi.

I pulcini di tucunaré sono protetti dai genitori fino a quando raggiungono circa due mesi di età e una lunghezza media di 6 cm.

Mentre sono protetti dai genitori, gli avannotti non presentano la macchia sulla coda, una delle caratteristiche più evidenti del tucunaré. In questo periodo predomina una striscia nera longitudinale lungo il corpo. Solo quando si staccano, iniziano a comparire le tre macchie.

I piccoli, dopo essere stati abbandonati dai genitori, si spostano a migliaia in branchi verso regioni di acque calde, proteggendosi in una fitta vegetazione.

Dove trovare

Originaria dei bacini amazzonici, la farfalla tucunaré è una specie territoriale e sedentaria che non migra.

Nel bacino amazzonico, quando i fiumi sono in secca, abitano soprattutto le lagune marginali, lasciando la foresta allagata (igapó o foresta alluvionale) durante le piene.

Nelle lagune, al mattino presto e nel tardo pomeriggio, quando l'acqua è più fredda, si nutrono vicino alla riva. Quando l'acqua si riscalda, si spostano al centro della laguna. Non ama l'acqua corrente.

Nei fiumi si trova nelle acque di ristagno, mentre nelle dighe preferisce vivere vicino alle sponde, dove ci sono rami, piante galleggianti e altre strutture sommerse che costituiscono un rifugio.

Preferiscono acque più calde, con temperature comprese tra 24 e 28 gradi, acque da limpide a giallastre, ricche di materiale organico, ma rifiutano acque rossastre o eccessivamente torbide.

Quando i pesci sono piccoli, i banchi sono molto grandi; quando raggiungono una dimensione media, il numero diventa dell'ordine di due dozzine o poco più. Già adulti, in fase di accoppiamento o meno, camminano da soli o in coppia.

Sono pesci diurni e la taglia minima consentita per la loro cattura è di 35 cm.

Pesci delle acque brasiliane

Tucunaré blu - Cichla sp

Famiglia: Ciclidi

Caratteristiche:

Il tucunaré è una squama che fa parte di uno dei più grandi gruppi di pesci d'acqua dolce del mondo.

Per dare un'idea, in Sud America la famiglia dei ciclidi conta circa 290 specie, che rappresentano tra il 6% e il 10% dell'ittiofauna d'acqua dolce di questo continente.

In Brasile esistono almeno 12 specie di tucunaré, cinque delle quali sono state descritte. La colorazione, la forma e il numero di macchie variano notevolmente da specie a specie; tuttavia, tutti i tucunaré presentano una macchia rotonda, chiamata ocelli, sul peduncolo caudale.

Il tucunaré blu raggiunge un peso di oltre cinque chili e la sua lunghezza può superare gli 80 cm; ha un corpo un po' compresso, alto e allungato e, soprattutto, una testa e una bocca grandi.

Nella prima parte della pinna dorsale, la parte spinosa, c'è una progressione in lunghezza fino alla quinta spina; successivamente c'è una diminuzione fino a raggiungere il bordo del ramo dorsale. In questo modo, la regione raggiunge una dimensione maggiore in altezza rispetto alla parte spinosa.

Si riconosce per la presenza di tre o più spine dure sulla parte anteriore della pinna anale e soprattutto sulla linea laterale, che è completa nei pesci giovani e generalmente interrotta negli adulti, formando due rami.

Abitudini:

Le sue abitudini alimentari variano nel corso della vita. Nei primi 30 giorni di vita, le larve si nutrono di plancton. A partire dal secondo mese, iniziano a ingerire larve di insetti. Quando gli avannotti raggiungono il terzo mese, si nutrono di piccoli pesci e gamberetti. Dal quinto o sesto mese in poi, si nutrono esclusivamente di pesci vivi.

Essenzialmente carnivoro, fa parte della sua dieta solo animali vivi, come: vermi, insetti, pitus, pesciolini, piccoli animali, vermi, larve di zanzare e mosche, rane, tra gli altri.

Di solito insiste nell'inseguire le prede, fermandosi solo quando riesce a catturarle, a differenza di altri predatori che si arrendono dopo il primo o il secondo tentativo fallito.

Si tratta di una specie territoriale, che difende un determinato spazio in cui si nutre e si riproduce, evolutivamente avanzata, con modelli comportamentali molto complessi.

Ovipari, al momento della deposizione delle uova i tucunaré blu si accoppiano ed è comune che i maschi presentino una protuberanza rossa o di colore più scuro tra la testa e la pinna dorsale, simile a una termite di toro.

Questa sporgenza, che scompare subito dopo la deposizione delle uova, all'inizio è appena percettibile e cresce fino a un quarto della lunghezza della testa.

Ogni femmina può ovulare due o più volte durante la stagione riproduttiva e, poco prima della deposizione delle uova, la coppia cerca una superficie dura e resistente come le pietre.

Dopo aver pulito la superficie, la femmina depone le uova, che vengono immediatamente fecondate e si schiudono tre o quattro giorni dopo. Le uova e i pulcini nelle prime fasi di sviluppo possono essere tenuti in bocca dai genitori, che possono restare diversi giorni senza nutrirsi.

Curiosità:

Nella lingua indigena, tucunaré significa "occhio nella coda"; il suo nome deriva quindi dagli ocelli presenti nel peduncolo della coda.

Prima dell'accoppiamento, il maschio di solito pulisce accuratamente il sito scelto per la deposizione delle uova, con l'aiuto della bocca e delle pinne. Quando nascono le larve, i genitori svolgono le cure parentali, facendo il nido e accudendo i piccoli, un comportamento insolito tra le altre specie.

Dove si trova:

Il tucunaré blu è una specie sedentaria, che non migra, e vive nei laghi, nelle lagune e alla foce e ai margini dei fiumi.

Durante le alluvioni, è comune trovarli nella foresta allagata.

Originaria dei bacini dell'Amazzonia e dell'Araguaia-Tocantins, è stata introdotta nei bacini del bacino di Prata, in alcune zone del Pantanal, nel fiume São Francisco e nelle dighe del nord-est.

Preferiscono acque più calde, con temperature tra i 24 e i 28 gradi, acque più chiare o giallastre, ricche di materiale organico, ma rifiutano acque rossastre o eccessivamente torbide.

Si concentrano in luoghi dove le prede possono nascondersi, come rami, tronchi, vegetazione e cave. Spesso cercano acque più ossigenate vicino alle rocce e luoghi aperti con acqua corrente.

Una delle caratteristiche sorprendenti di questi pesci è che abitano strutture diverse a seconda del periodo dell'anno, rendendo difficile la loro ricerca.

Nel sud-est, dove è stata introdotta, in base alle caratteristiche dell'invaso, ha abitudini peculiari, oltre a una crescita variabile a seconda dell'invaso e a un comportamento definito in base alla temperatura e al livello dell'acqua.

Sono pesci diurni e la taglia minima consentita per la loro cattura è di 35 cm.

Consigli per la pesca:

Nei tornei o nei giorni in cui i pesci sono più mossi, lavorare l'esca più velocemente può dare buoni risultati perché costringe i pesci a prendere una decisione istintiva: attaccare la spina per assicurarsi un pasto.

Pesci delle acque brasiliane

Tucunaré Açu - Cichla sp.

Famiglia: Ciclidi

Caratteristiche:

I tucunaré sono esclusivi del Sud America e si trovano in natura nei bacini dell'Amazzonia, delle Guianas e dell'Orinoco, per lo più in Venezuela.

Appartengono alla famiglia dei Cichlidae, come i Carás, gli Apaiaris e gli Jacundás, questi ultimi sono i loro parenti più stretti. I Tucunarés si distinguono facilmente dai loro parenti della famiglia in Sud America per la forma della pinna dorsale.

Nella prima parte, che è spinosa, c'è una progressione in lunghezza fino alla quinta spina, da cui si verifica una diminuzione fino a raggiungere il bordo dei rami dorsali. Questa regione raggiunge dimensioni maggiori, in altezza, rispetto alla parte spinosa.

Negli individui adulti il pattern cromatico può essere utilizzato per distinguere tutte e 12 le specie, anche se ad un occhio profano si può fare confusione.

Durante lo sviluppo dell'individuo si verificano cambiamenti significativi nel modello cromatico, nonché nei colori e nell'intensità.

Abitudini:

La cura parentale della prole è un fattore caratteristico della specie, che consente ai Tucunaré un grande successo riproduttivo, anche se il numero di uova è molto inferiore rispetto alle specie che praticano la piracema (dell'ordine di migliaia e milioni di uova per chilo), e che utilizzano una strategia riproduttiva differenziata.

Curiosità:

Il genere Cichla (dei Tucunarés) conta attualmente 5 specie nominali, ma un recente lavoro dei professori Efrem de Ferreira, dell'INPA - Manaus, e Sven Kullander, del Museo di Storia Naturale di Stoccolma, ne descrive altre sette, per un totale di 12 specie di Tucunarés. Di queste, solo una non è presente in territorio brasiliano.

Dove si trova:

Originaria del bacino amazzonico, è già presente nei tre principali bacini del territorio nazionale in virtù della sua introduzione (oltre che nel Rio delle Amazzoni, nei bacini di Prata e São Francisco) anche in bacini e dighe pubbliche e private.

Di solito vivono in ambienti di acqua ferma, tipici dei laghi e delle lagune marginali, ma si possono trovare anche nei canali fluviali e alcune specie anche in acqua corrente. Anche occupando questi habitat, la maggior parte delle specie tende a preferire una regione di acqua più calma.

In ambienti con questo tipo di strutture, si trovano in prossimità di gole, spiagge di fiumi e laghi e punti di caduta.

Consigli per la pesca:

Quando pescate con esche artificiali di superficie e notate che il pesce vi segue senza attaccarvi, smettete di lavorare per qualche secondo. Se non ci sono attacchi, chiedete al vostro compagno di lanciare un'esca a mezz'acqua o un cucchiaino.

Pesci delle acque brasiliane

Tonno Paca - Cichla temensis

Famiglia: Cichlidae (Clichid)

Distribuzione geografica:

I bacini dell'Amazzonia e dell'Araguaia-Tocantins, ma è stato introdotto nei bacini artificiali del bacino di Prata, in alcune aree del Pantanal, nel fiume São Francisco e nelle dighe del nord-est.

Descrizione:

Pesce con squame; corpo allungato e un po' compresso. In Amazzonia esistono sicuramente almeno 14 specie di tucunarés, di cui cinque sono state descritte: Cichla ocellaris, C. temensis, C. monoculus, C. orinocensis e C. intermedia.

Le dimensioni (gli esemplari adulti possono misurare 30 cm o sorprendentemente oltre 1 metro di lunghezza totale), la colorazione (può essere giallastra, verdastra, rossastra, bluastra, quasi nera, ecc.), la forma e il numero di macchie (possono essere grandi, nere e verticali, oppure bianche distribuite uniformemente sul corpo e sulle pinne, ecc. Tutti i tucunaréhanno una macchia rotonda (ocelli) sul peduncolo caudale.

Ecologia:

Specie sedentaria (senza migrazioni), vive nei laghi e negli stagni (entra nella foresta allagata durante le piene) e alla foce e soprattutto sulle rive dei fiumi.

Formano coppie e si riproducono in ambienti lentici, costruendo nidi e curando la prole. Hanno abitudini diurne.

Si nutrono principalmente di pesci e gamberi. Sono l'unica specie di pesce dell'Amazzonia che insegue la preda, cioè, dopo aver iniziato l'attacco, non si arrende finché non riesce a catturarla, il che li rende uno dei pesci più sportivi del Brasile.

Quasi tutti gli altri pesci predatori si arrendono dopo il primo o il secondo tentativo fallito. Tutte le specie sono importanti dal punto di vista commerciale, soprattutto per la pesca sportiva.

Attrezzatura:

Canne ad azione medio-pesante, con lenze da 17, 20, 25 e 30 lb e ami da 2/0 a 4/0, senza l'uso di lacci.

Esche:

Esche naturali (pesci e gamberetti) e artificiali. Praticamente tutti i tipi di esche artificiali possono attirare i tucunarés, ma la pesca con le spine in superficie è la più emozionante. I tucunarés "esplodono" sulla superficie dell'acqua per catturare i piccoli pesci.

Suggerimenti:

Quando si pesca con esche artificiali bisogna cercare di mantenere l'esca in movimento, perché il tucunaré può attaccare l'esca da 4 a 5 volte prima di essere agganciato.

Pesci delle acque brasiliane

Tucunaré giallo - Cichla monoculus

Famiglia

Ciclidi

Altri nomi comuni

Tucunaré, tucunaré-pitanga, tucunaré-popoca.

Dove si vive

Originaria dei bacini dell'Amazzonia e del Tocantins-Araguaia, ma ampiamente diffusa in tutto il Paese.

Dimensione

Può raggiungere i 40 cm e i 3 kg.

Cosa mangiare

Pesci e insetti acquatici.

Quando e dove pescare

Durante tutto l'anno, in tutte le sedi

Pesci delle acque brasiliane

Tambaqui - Colossoma macropomum

Famiglia: Characidae

Caratteristiche:

Endemico del bacino amazzonico, il tambaqui è un pesce appartenente alla famiglia dei caracidi, ed è senza dubbio una delle specie più ricercate dai pescatori di oggi per il suo forte combattimento e la sua carne abbondante, con poche lische e un sapore eccellente.

Pesce squamato, è uno dei più grandi dell'Amazzonia, con una lunghezza di circa 90 cm e un peso di 30 kg. In passato venivano pescati esemplari fino a 45 kg. Oggi, a causa della pesca eccessiva, non esistono praticamente più esemplari di queste dimensioni.

La sua forma è arrotondata con una colorazione brunastra sulla metà superiore del corpo e nera su quella inferiore, che può variare in modo più o meno chiaro a seconda del colore dell'acqua.

Gli avannotti presentano macchie scure sparse sul corpo, di solito di colore grigio chiaro.

Abitudini:

Cresce rapidamente ed è onnivoro, il che significa che mangia praticamente tutto: frutta, semi, foglie, plancton, insetti e altri elementi che cadono in acqua, comprese le noci di cocco mature che schiaccia con i suoi denti forti e arrotondati.

La riproduzione è asessuata, con gameti maschili e uova femminili rilasciati nell'acqua, con una piccola percentuale di fecondazione.

Curiosità:

È un pesce reofilo, cioè ha bisogno di compiere migrazioni riproduttive a monte per maturare sessualmente e procreare (piracema).

Questo fenomeno si verifica generalmente tra agosto e dicembre, quando i banchi approfittano delle piene del fiume per risalire la corrente, percorrendo spesso più di 1000 km.

A causa dello sforzo, il pesce sviluppa acido lattico nel suo corpo, provocando uno stimolo nella produzione di ormoni sessuali rilasciati dall'ipofisi, una ghiandola situata nella regione inferiore del cervello.

Negli allevamenti, il tambaqui si riproduce solo quando vengono praticate iniezioni di estratto di ipofisi, perché l'acqua ferma non gli permette di sviluppare correttamente la sua produzione ormonale.

Dove si trova:

Originario del bacino del Rio delle Amazzoni, grazie alla sua varietà di menu, il tambaqui sta iniziando a popolare altri stati brasiliani. Si può trovare in Mato Grosso, Goiás, Minas Gerais, São Paulo e Paraná. Anche se è sconsigliato per la regione sudorientale, a causa della sua sensibilità alle temperature più basse (ideali tra 26º e 28º).

Un'opzione potrebbe essere l'ibrido tambacu (incrocio tra tambaqui e pacu) che unisce la resistenza del pacu alla crescita rapida del tambaqui.

Consigli per la pesca:

In piena, si può pescare in battuta. Utilizzare canne lunghe con punta spessa e lenza da 0,90 mm della misura della canna in assoluto silenzio simulando la caduta di un frutto in acqua.

Pesci delle acque brasiliane

Tilapia - Rendalli di tilapia

Famiglia: Ciclidi

Caratteristiche:

Tra le oltre 100 specie di tilapia, una ha ricevuto un'attenzione particolare: la tilapia del Nilo. Questa specie esotica è ampiamente distribuita in Brasile ed è sicuramente una delle tre più diffuse al mondo.

Eleganti, di taglia media, in Brasile fino a circa 60 cm e 3 kg, hanno un corpo compresso. La bocca è terminale ed è ornata da piccoli denti quasi impercettibili.

La pinna dorsale è divisa in due parti, una anteriore spinosa e una posteriore ramificata. La pinna caudale è arrotondata e può presentare sfumature di marrone rossastro, oltre ad altre. La colorazione generale del corpo è grigio-bluastra.

Abitudini:

Le loro abitudini alimentari sono onnivore e tendono a mangiare più erba (erbivori), anche se possono consumare opportunisticamente qualsiasi cosa sia disponibile, come plancton, insetti, vermi e uova o avannotti di altri pesci.

Se l'ambiente è favorevole e c'è abbondanza di cibo e una temperatura ideale, tra 26º e 28ºC, la tilapia del Nilo può riprodursi fino a 4 volte in un anno. Scava nidi concavi nel fondo terroso di siti poco profondi.

Se un predatore non controlla le loro popolazioni, tendono a riprodursi in modo tale da lasciare solo pesci piccoli o nani.

Preferiscono occupare ambienti più vicini alle rive, acque poco profonde, acque ferme o con poca corrente. Nella maggior parte dei casi, non tollerano temperature inferiori ai 12 º C.

Curiosità:

Tra le oltre 2000 specie di ciclidi, le tilapie sono di gran lunga le più conosciute. Le loro caratteristiche biologiche, come la resistenza alla manipolazione, il grande potere di sopravvivenza in diverse condizioni ambientali, l'alimentazione varia e le eccellenti prestazioni in cattività, le rendono eccellenti per l'allevamento ittico, che gli ha fatto guadagnare fama mondiale.

Dove si trova:

Troviamo la tilapia in tutto il nostro Paese, dall'Amazzonia al Rio Grande do Sul.

Preferiscono vivere nei laghi e nelle dighe, o in ambienti con acqua ferma, anche se li troviamo anche nei fiumi con acque veloci.

Di solito non si avvicinano alle strutture, ma rimangono nei fondali argillosi o sabbiosi alla ricerca di cibo. L'estate è il periodo migliore per pescare con una grande varietà di esche.

Consigli per la pesca:

Spesso le tilapie abboccano in modo discreto. Mettere circa 50 cm di filo colorato più spesso sulla punta della canna aiuta a individuarle.

Pesci delle acque brasiliane

Traíra - Hoplias malabaricus

Famiglia: Erithrynidae

Caratteristiche:

I Traíras sono divertenti e litigiosi. Catturati con varie tecniche.

Esclusivo del Sud America, appartiene alla famiglia degli Erithrynidae, che comprende anche Jejus e Trairões.

In passato erano considerate un'unica specie, con un'ampia distribuzione all'interno della loro area di presenza; con l'approfondimento degli studi, invece, gli scienziati sono giunti alla conclusione che si tratta di diverse specie o di un gruppo, chiamato malabaricus .

Pertanto, i pesci di questo gruppo possono raggiungere una taglia massima di circa 5 kg e 80 cm di lunghezza. Il corpo è grassoccio, con estremità più affusolate. La testa è leggermente compressa, soprattutto nella regione delle mascelle.

Hanno una dentatura pronunciata, costituita da denti aciculari (aghiformi) leggermente appiattiti, cioè di dimensioni diverse. La loro colorazione, generalmente marrone dorato, varia tra il nero, il grigio e il verde, cioè a seconda dell'ambiente e del colore dell'acqua.

Le squame ricoprono solo il corpo e non sono quindi presenti sulla testa e sulle pinne.

Abitudini:

Sono cacciatori implacabili e, una volta attirati, attaccano l'esca più volte. Si nutrono preferibilmente di piccoli pesci, rane e soprattutto di alcuni artropodi (crostacei e piccoli insetti con scheletro esterno e zampe articolate, come il pitus).

Poiché non nuotano molto bene, le esche devono essere tirate fuori più lentamente, in modo che i Traíras possano avvicinarsi e abboccare. Spesso sono attratti dai rumori dell'acqua, in breve, come pesci che si agitano in superficie.

Curiosità:

Spesso gli si può attribuire l'amore per la pesca. Molti li hanno catturati in piccoli laghetti di fattoria. La loro aggressività e il loro spirito combattivo offrono sempre molte feste a diversi pescatori, veterani o principianti.

Dove si trova:

Presenti praticamente in tutti i corpi d'acqua dolce del Brasile, vivono in luoghi che vanno da paludi e piccole paludi a grandi fiumi e chilometri in tutto il territorio continentale. La loro presenza è abbastanza comune in dighe, laghi e bacini artificiali.

Nei fiumi preferiscono stare in piccole insenature o retrovia, senza correnti, mentre nelle acque basse e calde delle lagune e delle dighe, soprattutto tra sassi, rami secchi, alberi caduti, cespugli d'erba e vegetazione marginale.

Nelle regioni meridionali e sudorientali, in inverno migrano verso acque più profonde e rimangono vicino al fondo, inattivi. Nei fiumi, si possono trovare nelle stesse strutture, in piccole o grandi baie marginali o in regioni con acque più calme. Di solito rimangono vicino al fondo indipendentemente dalla temperatura dell'acqua.

Consigli per la pesca:

Quando si opta per le esche artificiali, bisogna essere persistenti perché i traditori sono talvolta un po' lenti e possono impiegare un po' di tempo per attaccare. Le esche a elica, i popper e gli zara sono molto efficaci perché il rumore che producono attira questi cacciatori implacabili.

Pesci delle acque brasiliane

Pettinatrice dalla coda nera - Hoplias macrophthalmus

Pesce di famiglia Erythrynidae

Caratteristiche:

o Trairão è un pesce delle acque brasiliane con un corpo cilindrico, una grande testa di circa 1/3 della lunghezza totale del corpo.

Il colore è generalmente marrone scuro, spesso annerito, che lo mimetizza sul fango e sui fondali coperti di foglie. Le pinne con bordi arrotondati hanno la stessa colorazione del corpo. Può raggiungere oltre 1 metro di lunghezza e circa 15 chili di peso.

Distruttore di esche Il Trairão ha una dentatura pronunciata e penetrante e un morso molto forte: denti canini leggermente compressi di dimensioni variabili adornano la sua grande bocca.

Spesso viene catturato a vista e richiede una buona mira da parte del pescatore: non appena l'esca viene messa nel suo raggio d'azione, viene quasi sempre prontamente attaccata.

Predatore vorace Per natura, ha una predilezione per i pesci, ma quando ne ha l'occasione, di solito non rifiuta piccoli mammiferi, uccelli e anfibi.

La specie Hoplias macrophthalmus si verifica nei bacini del Rio delle Amazzoni (zone di testa degli affluenti) e del Tocantins-Araguaia, il Hoplias lacerdae nel bacino del La Plata (alto Paraguay) e il Hoplias aimara nei fiumi dell'Amazzonia media e inferiore, come il Tocantins, lo Xingu e il Tapajós.

Abitudini:

Queste specie sono quasi sempre associate agli ambienti lentici e poco profondi dei laghi, in particolare alle insenature e alle "ressacas". Frequentano acque poco profonde e più calde vicino alla riva, di solito in fondi fangosi, con vegetazione e rami. Prediligono anche zone più profonde di fiumi e torrenti, spesso nella regione delle acque e delle correnti veloci, tra tronchi o rocce sommerse.

In questo modo, consiglio un'attrezzatura di tipo medio/pesante o pesante. Canne lunghe da 6 a 7 piedi, per lenze da 15 a 30 libbre (da 0,35 a 0,50 mm). Verricelli e mulinelli in grado di contenere fino a 100 metri di lenza scelta. Ami da 6/0 a 8/0, esca con filo o fascette d'acciaio.

Su pesca per Volare si consiglia l'utilizzo di 8-10 canne, con lenze fluttuante Esche come cimici dei capelli , popper , subacquei e festoni Si consiglia l'uso di una piccola cravatta.

Esche naturali come pezzi di pesce (cachorra, matrinxã, curimbatá, ecc.) o interi, vivi o morti, come lambaris e piccoli pesci della regione.

Il esche artificiali sono anche ampiamente utilizzati, in particolare i tappi di superficie e di mezz'acqua, come ad esempio esche da salto eliche e popper che sono piuttosto provocatorie.

Fate molta attenzione quando togliete l'amo dalla bocca del trairão, perché il suo morso è forte e i suoi denti affilati.

Tuttavia, scoprite qualcosa di più sul lavoro di questo grande fotografo e consulente della rivista Pesca & Companhia, Lester Scalon. //www.lesterscalon.com.br/

Informazioni sui pesci in Wikipedia

In ogni caso, vi è piaciuta questa pubblicazione sui pesci nelle acque brasiliane? Lasciate un commento, è importante per noi.

Joseph Benson

Joseph Benson è uno scrittore e ricercatore appassionato con un profondo fascino per l'intricato mondo dei sogni. Con una laurea in psicologia e studi approfonditi sull'analisi dei sogni e sul simbolismo, Joseph ha scavato nelle profondità del subconscio umano per svelare i significati misteriosi dietro le nostre avventure notturne. Il suo blog, Meaning of Dreams Online, mette in mostra la sua esperienza nel decodificare i sogni e nell'aiutare i lettori a comprendere i messaggi nascosti nei loro viaggi nel sonno. Lo stile di scrittura chiaro e conciso di Joseph, unito al suo approccio empatico, rende il suo blog una risorsa di riferimento per chiunque cerchi di esplorare l'intrigante regno dei sogni. Quando non sta decifrando sogni o scrivendo contenuti accattivanti, Joseph può essere trovato ad esplorare le meraviglie naturali del mondo, cercando ispirazione dalla bellezza che ci circonda.